Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

Come insegnare ai bambini le prime regole della buona educazione?

CHILDREN

Yuganov Konstantin - Shutterstock

Edifa - pubblicato il 02/01/21

Dire buongiorno, ringraziare, dire arrivederci, questo è l’ABC della buona educazione. Ecco alcuni consigli per insegnare queste parole di cortesia ai vostri figli, fin dalla loro più tenera età.

A volte, quando ci imbattiamo in un bambino molto educato, ci diciamo che i suoi genitori sono incredibilmente fortunati, come se l’educazione fosse solo una questione di fortuna. Tuttavia, la buona educazione non è una questione di casualità. Non appare all’improvviso, ma può essere acquisita. È il risultato del paziente e costante lavoro dei genitori che si preoccupano del bene del bambino.

La cortesia rende la vita quotidiana infinitamente più piacevole e i rapporti umani molto più facili. È come l’olio sulle ruote. La cortesia è gradita a colui che ne beneficia, ma prima di tutto a colui che la possiede. Guardiamo per esempio quanto il bambino che sa salutare si sente a suo agio con l’adulto. È quindi urgente insegnare ai nostri figli, fin da piccoli, queste regole di buona educazione.

La ripetizione dà i suoi frutti

Ecco ciò che ha indubbiamente ostacolato la trasmissione di quest’arte del vivere: la cortesia è apparsa come una serie di regole, di convenzioni sociali da cui bisognava liberarsi. Finiti i tempi in cui i genitori si tenevano a distanza dai figli, oggi sono diventati amici. Eppure l’esercizio della cortesia richiede un rapporto di superiorità e inferiorità, di donatore e ricevente, di insegnante e insegnato. Questa distanza è quella che permette la riconoscenza.

Dobbiamo iniziare a lavorare al più presto affinché i nostri figli acquisiscano le regole di buona educazione (perché tutto è più facile quando si inizia presto). Il bambino, già dall’età di 18 mesi, può dire grazie. Anche se non parla ancora, non importa, potrà imparare il gesto di aprire e chiudere la mano: il primo gesto di gratitudine che significa grazie. Molto presto, potremo insegnargli “Scusi signora” o “Scusi signore” se per sbaglio gli va addosso. Non dimenticate di esigere inoltre un “Buongiorno signore” o un “Buongiorno signora” e non solo un “Ciao”.

Lavorare significa che non si ottiene nulla al primo tentativo, ma che solo la costanza, ovvero la ripetizione, porta i suoi frutti. Questa costanza sarà efficace solo se è coerente, cioè se il bambino vede l’esempio dei suoi genitori e se viene punito quando fa il maleducato. Non vuoi chiedere scusa? Allora, torniamo a casa. Non hai salutato o non hai ringraziato? Allora, niente merenda. Sì mi costa punirlo, ma so lo faccio per il suo bene.

Inès de Franclieu

Tags:
educazionegenitori e figli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più