Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconStile di vita
line break icon

Fino a che età i genitori sono responsabili dell'educazione spirituale dei loro figli?

Shutterstock

Edifa - pubblicato il 22/11/20

I genitori sono i primi educatori della fede dei loro figli. Ma fino a quando dovrebbero assumere questo ruolo?

Il ruolo dei genitori nell’educazione della fede dei loro figli è primordiale e insostituibile. Ma devono occuparsene fino alla morte o fino alla maggiore età dei loro figli? Ce lo spiega Padre Vincent Baumann, fondatore dell’associazione KT Sens a Parigi che si consacra alla formazione catechetica degli studenti e dei giovani professionisti.

Per quanto tempo siamo responsabili dell’anima dei nostri figli?

Poiché l’educazione mira a favorire una vera autonomia del bambino, l’intervento dei genitori deve diminuire man mano che egli cresce. Questo non porta alla scomparsa della responsabilità dei genitori, ma ad un’evoluzione. Fino alla loro morte, i genitori dovranno sforzarsi di rimanere sempre un modello per i loro figli, facendosi sempre più discreti, fino al punto di accettare di poter dare solo dei consigli.


figli adolescenti

Leggi anche:
Cosa fare se il figlio adolescente si allontana da Dio?

Possiamo ancora intervenire nella loro vita spirituale dopo la maggiore età?

I giovani maturi prima dei 18 anni sono sempre più rari. Dopo la maggior età, i figli faranno ciò che vorranno del patrimonio ricevuto dai genitori. Questa è la conseguenza della loro libertà.

Che cosa fare se si allontanano dalla fede?

In questo caso, i genitori dovrebbero adottare le modalità del padre nella parabola del figliol prodigo, rimanendo disposti ad accoglierli in modo incondizionato. Non bisogna escludere le correzioni, ma ricordare che questa è solo una delle modalità della misericordia. I genitori non devono avere paura di lasciare che i loro figli prendano il controllo della propria vita una volta che il loro lavoro di educatori è compiuto. Infatti, anche se la loro responsabilità rimane nei confronti dei loro figli, essi sono solo co-educatori, ai quali il Padre ha affidato queste creature su cui Egli veglia costantemente.

Intervista di Elisabeth Caillemer

Tags:
educazione cristiana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più