Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Volete accogliere la Divina Misericordia? Ascoltate San Giovanni Paolo II

Rogelio A. Galaviz C. | Flickr CC by NC 2.0 Saint Jean Paul II

Edifa - pubblicato il 18/04/20

Vent'anni fa San Giovanni Paolo II istituiva la Domenica della Divina Misericordia, che si celebra la domenica dopo Pasqua. È anche alla vigilia di questa festa che si è spento, il 2 aprile 2005. La data della sua morte ha così suggellato, per così dire, il suo testamento spirituale: ha affidato il mondo intero alla Divina Misericordia. Ma noi come possiamo accoglierla?

di padre Nicolas Buttet

San Giovanni Paolo il 2 aprile 2005, giorno del suo ingresso in Cielo, per la festa della Divina Misericordia, aveva scritto queste parole: “All’umanità, che a volte sembra smarrita e dominata dalla potenza del male, dell’egoismo e della paura, il Signore Risorto offre il dono del Suo Amore che perdona, riconcilia e riapre l’anima alla speranza. È un amore che converte i cuori e dona pace. Quanto il mondo ha bisogno di capire e di accogliere la Misericordia Divina!” Ma come accogliere la Misericordia di Dio?

Riconoscere la propria miseria

San Filippo Neri ripeteva ogni giorno questa preghiera: “Signore, diffida di me. Se Tu non mi conservi con la Tua grazia, oggi Ti tradirò ed io da solo commetterò tutti i peccati del mondo intero”. Anche San Francesco di Sales diceva: “Riconoscere la propria miseria non è un atto di umiltà in sé: è semplicemente non essere stupidi!”

La misericordia non consiste, infatti, nel banalizzare il male o nel relativizzare il peccato. Al contrario! Solo un’acuta consapevolezza della gravità del peccato ci rende capaci di cogliere l’assoluta necessità della Misericordia insieme al Suo prezzo infinito: il Sangue di Cristo versato per noi. Capiamo allora ciò che Gesù disse a Santa Faustina: “Più grande è il peccatore, più ha diritto alla Mia Misericordia”.

Credere nell’abisso infinito della Divina Misericordia

La nostra miseria potrebbe schiacciarci o condurci alla disperazione, solo la fede nelle promesse di salvezza può rafforzarci in una speranza invincibile. Santa Teresa di Gesù Bambino scriveva: “La santità è una disposizione del cuore, che ci rende umili e piccoli tra le braccia del Padre, consapevoli della nostra miseria, ma confidando fino all’audacia nella Bontà del Padre”.

Gesù diceva a Santa Faustina: “Figlia Mia, parla al mondo intero della Mia inconcepibile Misericordia… Che nessuna anima abbia paura di avvicinarsi a Me, anche se i suoi peccati sono come lo scarlatto. La Mia Misericordia è così grande che per tutta l’eternità nessuno spirito, né umano né angelico, può approfondire tutto ciò che è venuto dal profondo della Mia Misericordia”.

Bere alla fonte della Misericordia

“Il genere umano non troverà pace finché non si rivolgerà alla fonte della Mia Misericordia”, diceva Gesù a Santa Faustina. E aggiungeva: “Guarda, anima, è per te che ho istituito il trono della Misericordia sulla terra. Questo trono è il tabernacolo”. Le fonti della Misericordia sono quindi in particolare i sacramenti dell’Eucaristia e della Riconciliazione, canali inesauribili di Misericordia nella Santa Chiesa di Cristo.

Essere misericordiosi a nostra volta con il prossimo

“Beati i misericordiosi, perché otterranno misericordia” (Mt 5, 7). Esercitiamo la misericordia, in modo da poterla ricevere a nostra volta. Aprire il nostro cuore alle sofferenze degli altri, perdonare a chi ci ferisce, ecco il modo di vivere la Beatitudine dei Misericordiosi.

Tags:
divina misericordiasan giovanni paolo ii
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più