Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Volete accogliere la Divina Misericordia? Ascoltate San Giovanni Paolo II

Condividi

Vent’anni fa San Giovanni Paolo II istituiva la Domenica della Divina Misericordia, che si celebra la domenica dopo Pasqua. È anche alla vigilia di questa festa che si è spento, il 2 aprile 2005. La data della sua morte ha così suggellato, per così dire, il suo testamento spirituale: ha affidato il mondo intero alla Divina Misericordia. Ma noi come possiamo accoglierla?

di padre Nicolas Buttet

San Giovanni Paolo il 2 aprile 2005, giorno del suo ingresso in Cielo, per la festa della Divina Misericordia, aveva scritto queste parole: “All’umanità, che a volte sembra smarrita e dominata dalla potenza del male, dell’egoismo e della paura, il Signore Risorto offre il dono del Suo Amore che perdona, riconcilia e riapre l’anima alla speranza. È un amore che converte i cuori e dona pace. Quanto il mondo ha bisogno di capire e di accogliere la Misericordia Divina!” Ma come accogliere la Misericordia di Dio?

Riconoscere la propria miseria

San Filippo Neri ripeteva ogni giorno questa preghiera: “Signore, diffida di me. Se Tu non mi conservi con la Tua grazia, oggi Ti tradirò ed io da solo commetterò tutti i peccati del mondo intero”. Anche San Francesco di Sales diceva: “Riconoscere la propria miseria non è un atto di umiltà in sé: è semplicemente non essere stupidi!”

La misericordia non consiste, infatti, nel banalizzare il male o nel relativizzare il peccato. Al contrario! Solo un’acuta consapevolezza della gravità del peccato ci rende capaci di cogliere l’assoluta necessità della Misericordia insieme al Suo prezzo infinito: il Sangue di Cristo versato per noi. Capiamo allora ciò che Gesù disse a Santa Faustina: “Più grande è il peccatore, più ha diritto alla Mia Misericordia”.

Credere nell’abisso infinito della Divina Misericordia

La nostra miseria potrebbe schiacciarci o condurci alla disperazione, solo la fede nelle promesse di salvezza può rafforzarci in una speranza invincibile. Santa Teresa di Gesù Bambino scriveva: “La santità è una disposizione del cuore, che ci rende umili e piccoli tra le braccia del Padre, consapevoli della nostra miseria, ma confidando fino all’audacia nella Bontà del Padre”.

Gesù diceva a Santa Faustina: “Figlia Mia, parla al mondo intero della Mia inconcepibile Misericordia… Che nessuna anima abbia paura di avvicinarsi a Me, anche se i suoi peccati sono come lo scarlatto. La Mia Misericordia è così grande che per tutta l’eternità nessuno spirito, né umano né angelico, può approfondire tutto ciò che è venuto dal profondo della Mia Misericordia”.

Bere alla fonte della Misericordia

“Il genere umano non troverà pace finché non si rivolgerà alla fonte della Mia Misericordia”, diceva Gesù a Santa Faustina. E aggiungeva: “Guarda, anima, è per te che ho istituito il trono della Misericordia sulla terra. Questo trono è il tabernacolo”. Le fonti della Misericordia sono quindi in particolare i sacramenti dell’Eucaristia e della Riconciliazione, canali inesauribili di Misericordia nella Santa Chiesa di Cristo.

Essere misericordiosi a nostra volta con il prossimo

“Beati i misericordiosi, perché otterranno misericordia” (Mt 5, 7). Esercitiamo la misericordia, in modo da poterla ricevere a nostra volta. Aprire il nostro cuore alle sofferenze degli altri, perdonare a chi ci ferisce, ecco il modo di vivere la Beatitudine dei Misericordiosi.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni