Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Gennaio |
Sant'Antonio
home iconStile di vita
line break icon

Cosa dice la Bibbia sulla "sindrome del nido vuoto"?

DIVORCE

Zivica Kerkez - Shutterstock

Edifa - pubblicato il 24/12/19

Vedere i nostri figli lasciare casa non è mai semplice. D’un tratto, la casa diventa vuota e silenziosa. Come vivere questa tappa inevitabile e talvolta così dolorosa?

Per affrontare la “sindrome del nido vuoto”, numerosi santi possono venire in nostro aiuto, e primi fra tutti san Giuseppe e la Vergine Maria. Possiamo meditare sull’episodio di Gesù, perduto e ritrovato nel Tempio, dove si scontra con l’incomprensione dei Suoi genitori Maria e Giuseppe ai quali dice: “Non sapevate che Io devo occuparMi delle cose del Padre Mio?” (Lc 2,49) Gesù si afferma come persona nel mistero della Sua autonomia e della Sua missione. Questo episodio ci insegna che c’è sempre una parte di mistero nella personalità dei nostri figli – il mistero della persona e della sua missione nel mondo.

La partenza dei figli, l’inizio di una nuova relazione

Seguendo l’esempio di Maria e Giuseppe, i genitori sono invitati a farsi da parte e a lasciare il proprio figlio libero di esprimere ciò che è diventato. Devono fidarsi di lui, anche perché nel corso della sua vita l’hanno educato affinché potesse diventare un giorno autonomo e capace di prendere delle decisioni da solo, per sé e per gli altri. Questa separazione infatti non implica in alcun modo la fine dell’affetto tra genitori e figli.

Nella Bibbia, Dio crea sempre a partire da una separazione, per poi riunire in un modo più grande. Nel libro della Genesi Egli separa l’uomo dalla donna, per poi riunirli in un’alleanza d’amore. La partenza dei figli non corrisponde quindi ad una scomparsa, ma conduce ad una relazione diversa, più profonda e più bella. Genitori e figli infatti si relazioneranno in modo differente: i figli lasciano il rapporto di dipendenza ed entrano in un rapporto d’amore e d’amicizia con i loro genitori, in uno scambio più elevato.

Etienne Ducornet

Tags:
educazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più