Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 31 Gennaio |
San Giovanni Bosco
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Lo strano mondo delle criptovalute cattoliche

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Criptovalute

Shutterstock I Chinnapong

i.Media per Aleteia - pubblicato il 22/12/22

Ogni giorno, Aleteia offre una selezione di articoli scritti dalla stampa internazionale sulla Chiesa e le questioni principali che preoccupano i cattolici nel mondo. Le opinioni e i punti di vista espressi in questi articoli non sono quelli degli editori.

Giovedì, 22 dicembre 2022

1- Lo strano mondo delle criptovalute cattoliche

2- La Santa Sede cerca la via della pace

3- Il grido del nunzio in Ucraina

4- Il cardinale Parolin in tribunale, cosa aspettarsi?

5- Ortega: “Non ho mai avuto rispetto per i vescovi”

1Lo strano mondo delle criptovalute cattoliche

La Chiesa cattolica e la criptotecnologia. È stato questo il tema della prima “Catholic Crypto Conference”, organizzata di recente allo Sheraton Valley Forge di King of Prussia, in Pennsylvania (Stati Uniti), che ha riunito circa 200 persone. Nel mondo poco regolamentato e dalle alte sfide delle criptovalute, la rivista gesuita America si chiede cosa potrebbe attirare specificamente i cattolici. Si spiega la tecnologia sottostante che alimenta le criptovalute: un gruppo di parti interessate crea un elenco pubblico di informazioni su cui sono tutti d’accordo, piuttosto che lasciare che un’istituzione come una banca o un’agenzia governativa lo faccia per loro. Può essere una lista di transazioni finanziarie, contratti legali o proprietà di opere d’arte, ma il processo rimane lo stesso. La crittografia elettronica consente alle persone di mantenere questo elenco di informazioni al sicuro e intoccabile da parte dei poteri centralizzati. La storia delle criptovalute è una storia di sfiducia finanziaria: questa realtà è nata nel 2008 in un periodo di perdita di fiducia record nelle banche negli Stati Uniti. Per alcuni investitori e speculatori, e apparentemente per alcuni cattolici, questa possibilità ha un fascino enorme. La tecnologia crittografica può attrarre molte persone preoccupate per gli abusi di queste istituzioni. Hanno spesso opinioni politicamente conservatrici – in particolare la libertà religiosa -, una profonda sfiducia nei confronti delle grandi istituzioni e un forte entusiasmo per il libero mercato. Per due giorni, gli oratori hanno presentato argomenti di vendita di bitcoin, informazioni sui progressi tecnologici e avvisi sulle acquisizioni marxiste. Anche se i partecipanti mostrassero le loro convinzioni a favore della tecnologia crittografica, trovano la promessa di decentramento delle criptovalute molto attraente di fronte a Governi e aziende che, a loro avviso, cospireranno per ridurli al silenzio.

America, inglese.

2La Santa Sede cerca la via della pace

Pensare alla pace quando sembra un orizzonte impossibile. È questa la missione della diplomazia della Santa Sede. Come ricorda il media spagnolo Settimana news, “nel corso della sua storia, anche la più controversa, quella dello Stato Pontificio per esempio, la Chiesa ha avuto un’alta vocazione politica – per la pace, la giustizia e la libertà”. Nell’articolo, il giornalista ritorna sull’importante discorso del Segretario di Stato della Santa Sede, il cardinale Parolin, alla conferenza “L’Europa e la guerra. Dallo spirito di Helsinki alle prospettive di pace”, svoltasi nella sede dell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede la scorsa settimana. Nello spirito del Papa e della sua enciclica Fratelli tutti, il cardinale italiano ha invitato ad utilizzare “tutti gli strumenti diplomatici”, anche “quelli finora inutilizzati”, per giungere a un cessate il fuoco e a una pace giusta. “Non possiamo che chiederci se facciamo davvero tutto, tutto ciò che è possibile, per porre fine a questo dramma”, si è chiesto il “Primo Ministro” del Papa. Negoziati e applicazione del diritto internazionale sono due strumenti che la Santa Sede non cessa di mettere in evidenza. Per porre fine alla tempesta della guerra, il cardinale Parolin evoca l’organizzazione di un’altra conferenza di Helsinki. In piena guerra fredda, contro ogni aspettativa, aveva posto un freno alla corsa alla reciproca distruzione nucleare. 

Settimana News, spagnolo.

3Il grido del nunzio in Ucraina

“Non sappiamo come sopravvivere al Natale”. Il nunzio apostolico in Ucraina, monsignor Visvaldas Kulbokas, mette in guardia sullo stato di sofferenza del popolo ucraino in un messaggio inviato ad Aiuto alla Chiesa che Soffre. 

Ecclesia, portoghese. 

4Il cardinale Parolin in tribunale, cosa aspettarsi?

L’articolo del quotidiano americano The Pillar riferisce che il cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin è chiamato a testimoniare il mese prossimo nel processo tentacolare sul caso dell’edificio di Londra. L’udienza potrebbe rivelarsi decisiva, perché è dal 2013 a capo della Segreteria di Stato, una struttura che ha mostrato in questo caso notevoli lacune e un certo dilettantismo.

The Pillar, inglese. 

5Ortega: “Non ho mai avuto rispetto per i vescovi”

Nuovo attacco del Presidente del Nicaragua alla Chiesa cattolica. “Non ho mai avuto rispetto per i vescovi”, ha affermato il 19 dicembre nel corso di una cerimonia di fronte alla Polizia. 

CNA, inglese.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
rassegna stampa internazionale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni