Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Carlo Acutis era affascinato da Papa Benedetto XVI

beato acutis e ratzinger

www.carloacutis.com | giulio napolitano | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 08/10/22

“Rimase molto toccato dal discorso che il Papa pronunciò a braccio il 19 agosto 2005, ai rappresentanti delle chiese protestanti e ortodosse”

Il beato Carlo Acutis (Londra, 3 maggio 1991 – Monza, 12 ottobre 2006) si dedicò molto all’ecumenismo e ad ispirare questa sua passione è stato Benedetto XVI, uno dei pontefici “preferiti” da Carlo. Lo racconta la madre Antonia Salzano nel suo libro “Il segreto di mio figlio” (Piemme).

«Seguiva sempre quello che in proposito diceva Papa Benedetto XVI, che mise questo dialogo ecumenico come priorità all’interno del suo pontificato», ricorda la madre nel libro.

peregrynacja relikwii bł. Carlo Acutisa w Warszawie

Il viaggio in Germania 

Nell’agosto del 2005, Carlo Acutis seguì con intensità il viaggio di Benedetto XVI in Germania. «Rimase molto toccato dal discorso che il Papa pronunciò a braccio il 19 agosto, ai rappresentanti delle chiese protestanti e ortodosse – spiega la madre di Carlo . Ratzinger spiegò di non credere in un ecumenismo tutto centrato sulle istituzioni. Per lui la questione seria era come la Chiesa dovesse testimoniare la Parola di Dio nel mondo. Problema affrontato dalla cristianità già nel I secolo e risolto fin d’allora con delle decisioni che secondo lui dovevano valere anche per la Chiesa di oggi».

L’ecumenismo di ritorno

In un altro passaggio Benedetto XVI respinse «quello che si potrebbe chiamare ecumenismo del ritorno: rinnegare, cioè e rifiutare la propria storia di fede». Perché la “vera cattolicità è pluriforme”: «Unità nella molteplicità e molteplicità nell’unità». Il giovanissimo beato restava colpito da queste espressioni e dai concetti di Ratzinger sull’approccio al dialogo con le altre religioni.  

La novena di gennaio

Ma Carlo Acutis era affascinato da Papa Benedetto XVI anche quando egli raccomandava di pregare e sacrificarsi per l’ecumenismo. Così, ogni anno a gennaio, in occasione della preghiera per l’unità dei cristiani, «Carlo faceva sempre una novena. Era attento ai bisogni della Chiesa, e gli piaceva seguire anche gli eventi ecclesiali, come appunto la visita del Papa in Germania», conclude mamma Antonia Salzano. 

Clicca qui per acquistare il libro “Il segreto di mio figlio” (Piemme).

Tags:
benedetto XVIcarlo acutisecumenismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni