Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 05 Ottobre |
Santa Faustina Kowalska
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

I giuristi sullo status del Papa emerito – La Chiesa in Canada non avrebbe le risorse per indennizzare le vittime degli abusi sessuali – & altro…

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
PFCC281120_000_8W39EC.jpg

Photo by Handout / VATICAN MEDIA / AFP

i.Media per Aleteia - pubblicato il 16/08/22

Ogni giorno, Aleteia offre una selezione di articoli scritti dalla stampa internazionale sulla Chiesa e le questioni principali che preoccupano i cattolici nel mondo. Le opinioni e i punti di vista espressi in questi articoli non sono quelli degli editori.

1. I giuristi discutono sullo status del Papa emerito

2. Canada: la Chiesa non avrebbe le risorse per indennizzare le vittime di abusi sessuali

3. Come vede il Papa lo sviluppo della teologia?

1. I giuristi discutono sullo status del Papa emerito

Al giorno d’oggi, nulla definisce in modo chiaro cosa sia un Papa emerito. Come dev’essere chiamato? Dove deve vivere? Quali sono i suoi rapporti con il suo successore? Quali sono le sue responsabilità? Con Papa Francesco che ha aperto la porta a una possibile rinuncia, si fa più pressante la questione di precisare il ruolo di un Papa che si ritira. Per evitare confusioni e proteggere l’unità della Chiesa, alcuni canonisti si sono già occupati della questione. Nel 2021, è stato lanciato un progetto per redigere proposte di legge che potrebbero essere studiate e discusse su una piattaforma online per essere poi presentate al Papa stesso. Come riferisce il National Catholic Reporter, un buon numero dei suggerimenti riflette gli approcci adottati più spesso da Benedetto XVI, che ha dovuto tracciare la strada da seguire quando si è dimesso nel 2013. Una proposta prevede che anziché quello di “Papa emerito” il Pontefice che si dimette riceva il titolo di “vescovo emerito di Roma”.

National Catholic Reporter, inglese 

2. Canada: la Chiesa non avrebbe le risorse per indennizzare le vittime di abusi sessuali

“C’è sempre stata un’apertura della diocesi per compensare le vittime, [ma] bisogna smettere di pensare che la Chiesa sia estremamente ricca perché è del tutto falso, e si deve smettere di pensare a importi astronomici», ha affermato l’abate René Tessier, responsabile delle comunicazioni della diocesi di Québec, con l’accentuarsi delle pressioni sulla Chiesa del Canada per indennizzare le vittime di abusi sessuali. In base ai calcoli del Journal de Québec, questa diocesi potrebbe dover versare 66 milioni di dollari, anche se è ancora difficile valutare l’importo finale. Gli avvocati delle vittime assicurano di non voler spingere la Chiesa al fallimento, ma che il loro obiettivo è “risarcire più correttamente le vittime”, osserva Alain Arsenault. “Si può parlare, analizzare, e se dimostrano di non avere soldi è un dato di fatto… Controlleremo le assicurazioni e poi i loro beni. E se non hanno soldi, andranno in bancarotta come gli altri. Sarà un peccato, ma dovranno pagare per i danni provocati”.

Journal de Québec, francese

3. Come vede il Papa lo sviluppo della teologia?

“Per Papa Francesco, il problema non è la dottrina, ma il modo in cui questa viene presentata”, scrive il vaticanista Andrea Gagliarducci, che commenta la nomina di Antonio Staglianò, vescovo emerito di Noto, a presidente della Pontificia Accademia di Teologia. Staglianò si è fatto conoscere teorizzando la cosiddetta «teologia popolare», che presenta il Vangelo in un linguaggio contemporaneo. Metterlo alla guida dell’Accademia manifesta la volontà del Papa argentino di ringiovanire la lingua della teologia per rendere la dottrina più afferrabile. «La dottrina deve comunicare la gioia. Non deve mostrare divieti», riassume il giornalista.

Monday Vatican, inglese

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
rassegna stampa internazionale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni