Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 07 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Perché non bisogna mai dire no ad un regalo

DONNA, SORRISO, ABBRACCIO

Bricolage | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 06/08/22

Perché molti di noi quando ricevono un regalo si sentono in difficoltà? Eppure: "Saper ricevere è altrettanto importante che saper donare".

Non possiamo festeggiare Martino la settimana dopo perché è quella del mio compleanno, poi le zie si mettono in pensiero e non mi va che mi portino un regalo.

Eravamo ancora a tavola e i nostri amici stavano decidendo quando organizzare un pranzo per celebrare i 3 anni del loro secondo bambino.

Perché non vogliamo regali?

A quel punto chiedo incuriosita a Piero:

“E perché non vuoi che le tue zie ti facciano un regalo?”. “Non se la passano bene, non voglio che spendano per me” risponde. Incalzo: “Vabbè dai, basta anche una cosa piccola, non puoi negare loro questo piacere”. Piero sorride ma non sembra d’accordo.

Tra una risata e una presa in giro iniziamo a parlarne, e così scopro che Piero non ama particolarmente ricevere regali. Non so bene cosa rispondergli, ammetto che non ho mai pensato davvero alla cosa.

Quella volta che non festeggiai ma ricevetti un regalo speciale

La sera ragionandoci un po’ mi ricordo un episodio relativo a un mio compleanno che non festeggiai.

La mia data era passata da qualche settimana quando ci ritrovammo con tutti i parenti per la festa di mia cugina e una delle mie zie mi passa un pacchetto. La mia reazione fu incomprensibile, non riuscii a controllarmi. Fui presa da un fortissimo imbarazzo, quasi non volevo aprire il regalo, avrei voluto nascondermi, defilarmi. Lo scartai fulminata dallo sguardo di mia madre. Quando scoprii che erano due gonne confezionate a mano da mia zia, la vergogna lievitò.

IMBARAZZO, DONNA,

Cioè, io non avevo fatto uno straccio di festa, offerto neppure una fetta di torta e lei mi aveva portato un regalo speciale al quale lavorava da mesi.

Non è imbarazzo ma forse orgoglio?

Ho ripensato a questo fatto solo dopo la chiacchierata con Piero. Oggi comprendo finalmente il mio imbarazzo di quel giorno. La mia non era stata davvero timidezza, bensì orgoglio, incapacità di accettare un gesto gratuito e inaspettato senza dare nulla in cambio.

Come se tutto dovesse sempre essere regolato sul do ut des, come se ci si dovesse chiedere ogni volta: “come potrò sdebitarmi?”, come se una vocina in fondo dicesse: “non te lo meriti”.

Perché non bisogna mai dire no ad un regalo?

Qualche giorno più tardi queste considerazioni arrivo a un passaggio del libro che stavo leggendo che mi offre una risposta semplice e grandiosa:

Padre Thomas mi ha strigliato una volta sola, quando ho rifiutato un regalo che mi aveva fatto. Mi ha preso la mano dicendomi: «Non bisogna mai dire no a un regalo, perché così facendo si potrebbe bloccare la generosità altrui. Gli si potrebbe impedire di crescere e lo si potrebbe scoraggiare. Attraverso il regalo Dio ci chiede l’umiltà di riceverlo, di accettare e di lasciar crescere nell’altro la capacità di donare.» L’amore è un boomerang: ricevi molto di più di quanto dai. Saper ricevere è altrettanto importante che saper donare.

(Più forte dell’odio, Tim Guénard)

Alcuni commenti di chi “odia ricevere regali”

Credevo che quello di non saper ricevere fosse un “problema” di pochi e invece parlando con altre persone e navigando su google mi accorgo che è il contrario. Ho trovato su un forum una discussione dal titolo: “Odio ricevere regali”. Vi incollo alcuni commenti:

Io non amo ricevere regali perché un regalo ricevuto è in realtà sempre un debito contratto senza l’intenzione di contrarlo.

(psicologia.alfemminile.com)

Un altro partecipante aggiunge:

(…) Non solo odio ricevere regali ma mi fa prorprio star male. Sento un peso al cuore. Io dico sempre il fatto che qualcuno spenda per me… ma perché…

(Ibidem)

E poi:

È come se quando ti regalano qualcosa ti stessero regalando un biglietto per complicarti la vita (…) 

(Ibidem)

“Saper ricevere è altrettanto importante che saper donare”

Ci sentiamo bene quando regaliamo, siamo felici, appagati. Perché allora permettiamo all’orgoglio di negare agli altri la stessa gioia e soddisfazione? Da oggi in poi proverò a tenerlo a mente:

Saper ricevere è altrettanto importante che saper donare.

PAPA', FIGLIO,
Tags:
amoredonaregenerositaregaliumiltà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni