Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 13 Agosto |
San Giovanni Berchmans
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Olimpiade, la perseverante diaconessa di Costantinopoli 

eli3148

Leemage via AFP

Aliénor Goudet - pubblicato il 05/08/22

Olimpiade di Costantinopoli, vedova e diaconessa nel IV secolo, ha fatto buon uso della sua vedovanza portando soccorso a tutti quanti ne avevano bisogno. Discepola di Giovanni Crisostomo, si attirò le ire dell’autorità pubblica in occasione dell’esilio di quest’ultimo. Malgrado uno stillicidio di ricatti e minacce, tenne duro.

Olimpiade non aveva che 19 anni, quando perse il marito (dopo soltanto 20 mesi di matrimonio). Ereditò una immensa fortuna, e agli illustri natali (era figlia di console) si aggiungeva in lei una splendida bellezza. Non c’è dunque da stupirsi, che tutti gli uomini del suo rango in cerca di moglie sgomitassero per chiederla in sposa. La giovane vedova aveva però altre ambizioni… 

Senza frapporre tempo, vendette abiti e gioielli, vestì una sobria tunica e fece elemosine senza calcoli: eresse ospedali, monasteri e case per i poveri. La sua generosità era tale che aiutava tutti quanti le chiedevano aiuto, anche se non versavano in vero stato di bisogno – a tal punto che Giovanni Crisostomo, il patriarca di Costantinopoli (nonché padre spirituale di Olimpiade) si fece un dovere di metterla in guardia contro quanti abusavano della sua generosità. Seguendo il consiglio, la giovane si volse allora prevalentemente ai veri bisognosi. Giovanni la istituì diaconessa. 

Quando però le riforme di Giovanni Crisostomo diedero troppo fastidio alle autorità politiche della Capitale, soprattutto all’imperatrice Eudossia, il patriarca finì in Esilio. Olimpiade non smise mai di difenderlo, malgrado l’assenza. Per questo fu calunniata senza riguardo: la accusarono di aver appiccato il fuoco alla basilica di Haghia Sophia e le fu impedito di condurre a termine i suoi progetti. Ferita nell’animo, scrisse a Giovanni, il quale le rispose con molte lettere persuadendola della bontà del suo operato. Si rallegrò con lei per il suo lavoro e per la sua devozione: «Trascina con l’esempio», le scriveva. 

Grazie alle sue parole, Olimpiade continuò ad operare indefessamente. Quando le mettevano i bastoni tra le ruote su un progetto, lei ne avviava di nuovi. Anche dopo la morte del suo padre spirituale, sopportò le avversità con grazia e proseguì a operare fino alla morte, giunta nel 408. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni