Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
Santa Maria Assunta
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

I primi sguardi sul mondo: come si sviluppa la vista del bambino piccolo

newborn

GOLFX | Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 17/05/22

Il neonato vede complessivamente sfocato, riconosce i contorni di un oggetto, ma non i colori, distingue però la luce dal buio.

di Luca Buzzonetti

Come si sviluppa la vista del bambino piccolo

La funzione visiva ha un progressivo sviluppo e raggiunge la completa maturazione intorno all’età di 8 anni. Il neonato è già in grado di percepire figure e oggetti ad alto contrasto posti a circa 20-30 cm dal viso del bambino.
Alla nascita la capacità visiva, in particolare la capacità di discriminare i dettagli degli oggetti, è molto inferiore a quella dell’adulto (40 volte inferiore) a causa dell’immaturità della corteccia visiva, cioè di quella parte del cervello deputata alla elaborazione delle immagini. 

Come vede un neonato

Il neonato vede complessivamente sfocato, riconosce i contorni di un oggetto, ma non i colori, distingue però la luce dal buio. Non ha coordinamento oculo- motorio (ovvero non riesce ancora a coordinare i movimenti degli occhi) e, conseguentemente, può sembrare strabico, cioè con gli occhi male allineati.

Cosa accade intorno ai 6 mesi di vita

La capacità visiva migliora nel corso delle prime settimane permettendo, a 2-3 mesi di vita, di riconoscere oggetti a contrasto minore e forme colorate più complesse poste a distanza ravvicinata. Verso i sei mesi è presente una discreta coordinazione tra occhi e mani, aumenta la distanza visiva e la capacità di discriminare oggetti più piccoli, posti anche lateralmente, e inizia a essere presente la stereopsi, cioè la capacità di percepire la profondità, che maturerà completamente verso i 4-5 anni di vita.

La vista del bambino intorno ai 4-5 anni di vita

un anno di età il bambino è in grado di indicare gli oggetti che desidera, si amplia il campo visivo e cresce la capacità di discriminare oggetti sempre più piccoli e a distanza maggiore. L’acuità visiva raggiunge i valori definitivi intorno ai 4-5 anni.

Misurare i difetti di vista del bambino

È possibile misurare la refrazione, ovvero i difetti di vista, fin da quando il bambino è molto piccolo. In quella fascia di età, e comunque finché il bambino non è collaborante, durante la visita dall’oculista viene utilizzata una tecnica di esame che si chiama schiascopia, che in sostanza consiste nella proiezione di una luce all’interno dell’occhio opportunamente dilatato con un collirio.

I bambini normalmente nascono ipermetropi

La vista può essere misurata in maniera attendibile a partire dall’età di 4 anni. Vengono utilizzati simboli specifici, le “E” di Snellen, una grossa lettera E che il bambino tiene in mano e deve orientare nella stessa direzione di quella dell’esaminatore. I bambini normalmente nascono ipermetropi, cioè con un difetto di vista dovuto alla dimensione del bulbo oculare che alla nascita risulta più corto. Con la crescita le cose possono cambiare e può comparireuna miopia, di rado prima dei 12- 13 anni di età, dovuta viceversa a un allungamento eccessivo dell’occhio.

Lo stigmatismo

L’astigmatismo, invece, è un difetto di vista prodotto prevalentemente dalla asimmetrica curvatura esterna dell’occhio, più precisamente della cornea. Questo astigmatismo si stabilizza intorno ai 3 anni di età ed è considerato fisiologico per valori minimi e, a meno di variazioni patologiche, non si modificherà successivamente.

QUI IL LINK AL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Tags:
bambinoneonatoocchisalute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni