Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 13 Aprile |
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Ucraina, nuovo colloquio telefonico tra il Papa e Zelensky

Papież Franciszek, flaga Ukrainy

HANDOUT/AFP/East News

Vatican News - pubblicato il 22/03/22

Il presidente ucraino, questa mattina, intervenuto in videocollegamento con il Parlamento italiano ha riferito della conversazione con il Pontefice: “Da Sua Santità parole molto importanti. Ho detto che il popolo è divenuto esercito quando ha visto il male”

Una nuova conversazione telefonica tra il Papa e il presidente ucraino Volodomyr Zelensky è avvenuta questa mattina, mentre in Ucraina non si placa il fragore delle armi per una guerra che il Pontefice, nell’ultimo Angelus, ha definito ”disumana” e “sacrilega”.

Zelensky in video collegamento con il Parlamento italiano 

Lo stesso Zelensky, intervenuto questa mattina in hang-out con il Parlamento italiano, ha aperto il videocollegamento dicendo di aver parlato con il Pontefice: “Lui ha detto parole molto importanti”. Il presidente ha aggiunto di aver riferito al Papa della resistenza dimostrata dal popolo ucraino “diventato l’esercito quando ha visto il male”.

Sempre Zelensky, attraverso il suo account ufficiale Twitter, in mattinata informava del colloquio con il Papa: “Ho parlato con @Pontifex. Ho riferito a Sua Santità la difficile situazione umanitaria e il blocco dei corridoi di soccorso da parte delle forze russe. Sarebbe accolto con favore il ruolo di mediazione della Santa Sede nel porre fine alla sofferenza umana. Ho ringraziato per le preghiere per la pace e per l’Ucraina”.

Il tweet dell’ambasciatore ucraino presso la Santa Sede 

Anche l’ambasciatore in pectore dell’Ucraina presso la Santa Sede, Andrii Yurash, ha diffuso oggi – sempre tramite un tweet – la notizia della conversazione telefonica, aggiungendo che il Pontefice ha assicurato al presidente ucraino di star “pregando” per l’Ucraina e che sta facendo “tutto il possibile per la fine della guerra”. Zelensky, secondo quanto riferito ancora dall’ambasciatore, ha risposto che “Sua Santità è l’ospite più atteso in Ucraina”. Ribadito quindi l’invito a recarsi a Kiev già espresso in una lettera dal sindaco della capitale, Vitalij Klyčko. Lettera alla quale il Papa ha risposto, come confermava Bruni il 15 marzo, ribadendo la sua vicinanza “alle sofferenze della città, alla sua gente, a chi ne è dovuto fuggire e a chi è chiamato ad amministrarla”.

La telefonata del 26 febbraio

Non è la prima volta che il Papa e Zelensky hanno un contatto via telefono. Il 26 febbraio scorso, due giorni dopo lo scoppio del conflitto, mentre aumentavano di ora in ora le notizie drammatiche dal fronte di guerra, il Pontefice aveva espresso al presidente “il suo più profondo dolore per i tragici eventi che stanno avvenendo nel nostro Paese”. Lo stesso Zelensky poco dopo ha riferito: “Ho ringraziato Papa Francesco per aver pregato per la pace in Ucraina e per una tregua. Il popolo ucraino sente il sostegno spirituale di Sua Santità”.

L’originale su Vatican News

Tags:
papa francescoucrainaVolodymyr Zelensky
Top 10
See More