Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 04 Luglio |
San Tommaso
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Il significato delle spine e la loro scoperta sulla Sindone di Torino

SHROUD OF TURIN

Dianelos Georgoudis | CC BY-SA 3.0

Margaret Rose Realy, OBL. OSB. - pubblicato il 12/03/22

Sulla Sindone sono stati ritrovati spine, cardi e polline, che possono offrire una prova tangibile della sofferenza di Cristo sulla croce

In passato, nell’arte cristiana e nelle leggende pie le piante spinose simboleggiavano la sofferenza. L’esempio più familiare è ovviamente la Passione di Cristo, visto che sulla Croce aveva una corona di spine.

Le spine e il loro significato

Gli steli di cardo (Cynara cardunculus) erano usati nella cucina greca e romana, e sono rimasti un alimento popolare nella regione fino al XIX secolo. Nell’arte, la pianta allude alla necessità dell’uomo di lavorare per guadagnarsi il cibo dopo l’espulsione dal giardino dell’Eden, e quindi a lavorare pur nella sua inclinazione al peccato per raggiungere il cibo di salvezza – Gesù.

Un cardo facilmente riconosciubile è il cardo scozzese (Onopordum acanthium), che simboleggia la protezione. Si dice che gli eserciti che invasero la Scozia vennero contrastati dalla natura difensiva di questa pianta. L’Ordine del Cardo venne fondato nel 1540 dal re Giacomo V, che lo creò per sé e per 12 dei suoi cavalieri, “in allusione al Beato Salvatore e ai Suoi Dodici Apostoli”.

In una leggenda del re Carlo Magno, si dice che il suo esercito stesse morendo di peste quando un angelo gli apparve in sogno e gli disse di tirare una freccia in aria, sfamando poi i suoi soldati con la pianta su cui fosse caduta. Carlo Magno fece come l’angelo gli aveva ordinato, e la sua freccia cadde su una macchia con cardo mariano (Silybum marianum), rinominato quindi Cardo Santo. Fece quindi mangiare a tutti i suoi uomini quella pianta: si salvarono tutti e portarono avanti la battaglia per difendere la cristianità.

Storicamente, i monaci benedettini hanno considerato il Cardo Santo (Cnicus benedictus) una panacea. Si credeva che fosse particolarmente efficace nella cura del vaiolo. Cardo dai fiori gialli, è usato in medicina – per cure interne ed esterne – da più di duemila anni.

Spine e fiori sulla Sindone di Torino

Abbiamo letto nella Bibbia che la tortura subìta da Nostro Signore durante la Sua Passione è iniziata con la crudeltà ad opera dei soldati di Pilato. Furono quei bruti a dare a Gesù la Sua prima corona – quella di spine –, diventata, insieme alla croce, un simbolo della vittoria sul male. Sulla Sindone di Torino si trovano tracce Cardus e Gundelia tournefortii.

thistle;thorn;Gundelia tournefortii

Gli esperti di scienze naturali hanno iniziato a esaminare la Sindone verso la fine del XIX secolo. Gli esperti botanici nel team di ricerca hanno trovato tracce di piante e granelli di polline che possono servire come indicatori stagionali e geografici.

Quattro piante sul sudario sono significative, perché, come riportano i ricercatori Danin e Baruch, “l’unione… si verifica solo in una piccola porzione della Terra, i monti della Giudea e il Deserto della Giudea in Israele, in prossimità di Gerusalemme”.

Gli esperti sono riusciti a identificare 36 specie di piante sulla Sindone. Hanno scoperto che quasi tutte le immagini floreali che restano sul telo, e la più alta concentrazione di pollini, erano nel punto in cui era deposta la testa del corpo.

I botanici hanno trovato vari fattori di particolare interesse per chi studia l’autenticità della Sindone, anche dubitandone. Ecco alcune delle loro scoperte:

  • Tutte le piante interessate crescono in Israele. Di queste, si sa che 20 crescono a Gerusalemme e altre 8 nelle vicinanze del Deserto della Giudea e nella zona del Mar Morto. 
  • Anche se alcune di queste piante si trovano anche in Europa, 14 di loro crescono solo in Medio Oriente.
  • 27 piante fioriscono in primavera, nel periodo della Pasqua ebraica. 
  • Dello Zygophyllum dumosum ci sono sia polline che un’immagine sulla Sindone, e cresce solo in Israele, in Giordania e nella regione del Sinai. 
  • La Gundelia tournefortii (di cui sono stati rilevati i pollini più frequenti sulla Sindone, fattore che indica la stagione) è la pianta trovata dove si è impressa la corona di spine intorno alla testa sul sudario.

In Quaresima, guardiamo le nostre debolezze, alla “spina nel fianco” che ci esorta ad affidarci al Signore, la cui prima corona è stata indossata sopportando una sofferenza indicibile per amor nostro.

Tags:
corona di spinepiantesindone
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni