Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Torino, la casa della Sacra Sindone (FOTO)

turin italy

Tara Van Der Linden Photo | Shutterstock

Bret Thoman, OFS - pubblicato il 08/11/21

Quello che si ritiene sia il sudario che ha avvolto Gesù è conservato nel Duomo di Torino, città che ha molto da offrire ai visitatori religiosi

Si crede che la Sacra Sindone sia il sudario in cui venne avvolto il corpo di Gesù, ed è senz’altro una delle reliquie più famose e studiate nell’universo cattolico.

Il Sacro Lino

Il telo è conservato nel Duomo di Torino, dedicato a San Giovanni Battista. Realizzata alla fine del XV secolo adiacente a una torre precedente, la cappella della Sacra Sindone è stata costruita appoggiata all’abside tra il 1668 e il 1694 per ospitare la Sindone.

La reliquia viene esposta raramente al pubblico, ma i visitatori possono venerare il reliquiario in cui è custodita e visitare il museo ad essa dedicato.

Altri luoghi sacri a Torino

Anche se la maggior parte dei cattolici associa Torino alla Sacra Sindone, ci sono altre ragioni per recarsi in pellegrinaggio in questa bella città.

La terza cappella della navata sinistra della cattedrale è dedicata a San Massimo, primo vescovo di Torino. Dal 1990 ospita la tomba del beato Pier Giorgio Frassati.

Pier Giorgio era noto per la sua personalità allegra, l’amore per la montagna, il servizio a poveri ed emarginati, la difesa delle questioni sociali e le virtù eroiche. È morto a 24 anni, e viene spesso indicato come modello per la gioventù cattolica.

A pochi passi dal Duomo c’è la basilica del Corpus Domini, in cui il 6 giugno 1453, quando il Piemonte era in guerra contro la Francia, avvenne il “Miracolo dell’Eucaristia”.

Secondo la tradizione, durante la conquista del villaggio di Exilles, in Francia, due soldati francesi saccheggiarono una chiesa portando via oggetti religiosi e artefatti, incluso il Santissimo Sacramento.

Andarono a Torino per vendere gli oggetti, ma la mula che portava l’Ostia sacra inciampò e cadde, facendo cadere il contenuto. Il Santissimo Sacramento si fermò in aria e illuminò il luogo. Il vescovo confermò subito il miracolo.

Non lontano si trova la basilica di Santa Maria Ausilistrice. Originariamente parte della casa per bambini poveri fondata da San Giovanni Bosco, ospita il suo corpo incorrotto e 6.000 reliquie di altri santi, tra cui San Domenico Savio, un giovane seguace di Don Bosco morto ad appena 14 anni.

Altre notevoli chiese di Torino includono la splendida chiesa barocca di San Lorenzo, il santuario della Consolata e la Casa della Divina Provvidenza, nota come Cottolengo. Non molto lontano dal Duomo ci sono anche le chiese di Santa Cristina e San Carlo.

Non solo turismo religioso. Torino è ricca di storia e attrazioni

Oltre alle chiese, Torino è nota per palazzi opulenti, gallerie d’arte, teatri, case d’opera e musei.

Il suo passato è legato a Casa Savoia. È stato il Regno di Torino ad avviare il processo dell’unificazione d’Italia a metà del XIX secolo.

Tra le principali attrazioni secolari di Torino figurano:

  • il Palazzo Reale (Patrimonio Mondiale dell’UNESCO), il Palazzo Carignano e Piazza Castello, le tre strutture che rappresentano il passato reale di Torino e compongono il centro di potere dell’antico ducato di Savoia.
  • Palazzo Madama, anch’esso Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, che ospita il Museo d’Arte Antia.
  • Il Museo Egizio, che ospita una delle collezioni d’arte egiziane più ricche al di fuori dell’Egitto.
  • Varie rovine: mura romane, Porta Palatina e il Teatro Romano.
Tags:
sacra sindone
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni