Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Ruslan, 4 anni e disabile, in salvo dall’Ucraina a un soffio dagli attacchi

RUSLAN JAGGE

Kelci Christine Jagge | Facebook

Annalisa Teggi - pubblicato il 25/02/22

Una recente conversione al cristianesimo ha portato una famiglia americana a volare in Ucraina mentre veniva dato l'ordine di evacuare. Hanno portato via dalla guerra un bimbo abbandonato in un orfanotrofio con paralisi cerebrale e malnutrito. Chiedono di pregare per chi resta là.

Un passaporto per Ruslan

Uno degli ultimi passaporti convalidati per uscire, o meglio scappare, dall’Ucraina è stato quello di Ruslan, il tesoro che vedete in questa foto. I suoi genitori adottivi statunitensi sono riusciti a ottenerlo poche ore prima che l’ambasciata americana fosse evacuata.

RUSLAN JAGGE

In mezzo alle notizie che si susseguono più tragiche di minuto in minuto dall’Ucraina, c’è una piccola grande storia a lieto fine. Theron e Kelci Jagge, statunitensi di San Antonio Texas, hanno adottato un bimbo gravemente disabile che pativa anche la fame in un orfanotrofio nell’Ucraina dell’Esta. Sono andati a prenderlo e lo hanno portato in salvo in USA a pochi giorni dall’invasione russa. Il padre adottivo Theron ha dichiarato:

Sono talmente tanti i miracoli accaduti durante questo lungo percorso che si fa fatica a metterli tutti in fila. […] Per dire, quando siamo arrivati all’aeroporto abbiamo sentito che tutto sarebbe stato chiuso in 9 minuti e noi dovevamo fare ancora i biglietti. In un posto in cui non eravamo mai stati, il personale ha fatto le cose a velocità supersonica per mettere questo bambino sull’aereo. C’era bisogno che ogni cosa accadesse come è accaduta.

Da ksat.com

Ho contattato la mamma adottiva Kelci, la cui premura – mi dice – non è solo quella di ringraziare perché Ruslan ora è al sicuro e amato, ma perché non ci si dimentichi dei troppi bambini disabili che sono ancora negli orfanotrofi ucraini e sono in pericolo di vita.

Un travaglio cominciato con una conversione

Da dove comincia questa storia? (… e quanti inizi decisivi accadono nelle storie di ciascuno di noi?).

La decisione di adottare un bambino straniero disabile può essere frutto di un atto di carità puramente e benedettamente umana. La storia di Theron e Kelci Jagge, coppia di giovani sposi poco più che trentenni, è segnato da un evento preciso che ha cambiato la loro vita, cambiando il loro cuore.

La storia tormentata comincia a metà del 2020. Dopo essersi convertita al Cristianesimo, la coppia decide di adottare un bambino con bisogni speciali.

Da New York Times

In mezzo alla pandemia, vengono catturati da Cristo e decidono di affrontare un percorso di adozione internazionale … con tutto l’iter burocratico che possiamo (non del tutto) immaginare, e l’aggravante delle complicazioni sanitarie. Ho chiesto a mamma Kelci se è andata proprio così. E la sintesi americana rende bene il succo della cosa:

Sì, siamo stati salvati e Dio ha cambiato i nostri cuori nel 2020.

La mossa, dunque, non è puramente filantropica e umanitaria (che – per carità – è cosa buonissima). Qui c’è il riconoscimento che il primo a muoversi è Dio, che viene a strapparci dalle nostre guerre e ci catapulta in una battaglia. Siamo stati salvati, possiamo rimboccarci le maniche. La premessa di ogni carità cristiana è riconoscersi innanzitutto oggetto di una carità infinita.

Nascere disabile in Ucraina

Circa un anno fa la famiglia Jagge vide la foto di un bambino ospite in un orfanotrofio ucraino. Era tra quelli di cui si occupa la Reece’s Rainbow, un’associazione impegnata nelle adozioni internazionali di bambini con bisogni speciali.

“Abbiano visto la foto ancora prima di pensare all’adozione – racconta Kelci – e ci siamo detti: dobbiamo farlo ora. Non c’è momento migliore.”

Da Fox4
RUSLAN JAGGE

Qualcuno oserebbe dire che non c’era momento peggiore, notando il progressivo degenerare della situazione ucraina. Quella foto ritraeva il piccolo Ruslan che fin dagli 8 mesi di vita era stato accolto in un orfanotrofio nella parte orientale dell’Ucraina, quella da poco dichiarata indipendente da Putin e in cui è stato schierato l’esercito. Quando i Jagge sono arrivati nel paese, il mese scorso, le truppe russe si stavano ammassando al confine e ai cittadini americani era chiesto di evacuare. Loro sono arrivati proprio lì, nel posto da cui bisognava scappare.

Qualcuno aveva già abbandonato Ruslan, i Jagge non l’hanno fatto e hanno lottato per portarlo con loro in America. E’ tragicamente frequente che i neonati disabili siano abbandonati negli orfanotrofi in Ucraina. Dagli USA, in queste ore, i Jagge pregano per i piccoli che sono rimasti là, e per tutti quelli che li hanno aiutati a portare Ruslan fuori dal paese.

“Siamo riusciti a metterci in contatto con uno dei nostri traduttori che attualmente ha trovato riparo in una metropolitana” – ha dichiarato Theron Jagge.

Sedato con oppiodi a 4 anni

Da quando, pochi giorni fa, è atterrato in Texas, Ruslan sta ricevendo tutte le cure necessarie nell’ospedale pediatrico di San Antonio. I suoi genitori adottivi non si allontanano dalla sua stanza e i segni di ripresa sono incoraggianti.

Ruslan ha una paralisi cerebrale, necessità del sondino nasogastrico e nelle ultime settimane – mentre i Jagge spostavano mari e monti per trasferirlo in USA – ha avuto la polmonite. Era anche gravemente malnutrito, qualche giorno in più senza le cure necessarie gli sarebbero stati fatali.

Un dettaglio, tra i molti, colpisce.

“Non piangeva mai. Più tardi abbiamo capito che era sedato” ha dichiarato Kelci Jagge.

Da New York Times

Oltre alla sua seria patologia, Ruslan ha sofferto anche di crisi di astinenza perché nell’orfanotrofio era stato trattato con oppiodi.

Ora, osservando a ritroso questo calvario e travaglio da una stanza d’ospedale attrezzata e sicura, ci uniamo a quella che è la sintesi del padre adottivo di Ruslan:

Ha fatto tutto il Signore. Dio ha fatto tutto – dice Theron – sono accadute piccole cose lungo la strada e ci hanno aperto la porta per tornare a casa”.

Da Fox4

Questo – osiamo dirlo – è il cuore della preghiera con cui affidiamo a Dio la situazione attuale del popolo ucraino. Nel caso di Ruslan abbiamo sotto gli occhi il contrassegno di un lieto fine – che è una carezza al cuore che trema. Ma siamo certi che nella nebbia scura che avvolge il presente, davvero la Madonna e Dio Padre stanno portando a casa l’umanità nella prova.

Tags:
adozionedisabiliucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni