Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Missouri: apre il convento, diminuiscono gli aborti

NUN, SMILE

Michkasova Elena | Shutterstock

Il Timone - pubblicato il 02/02/22

Il Convento si trova di fronte all'ultima clinica Planned Parenthood dello stato. Le Suore Francescane della Carità Cristiana difendono la vita con la preghiera, l'ascolto, l'accoglienza.

Di Federica Di Vito

«Rispondiamo al campanello», ecco che cosa fanno tutto il giorno le Suore Francescane della Carità Cristiana protagoniste della notizia di oggi. A sentire il loro racconto offerto questa settimana dal podcast CNA Newsroom, sembra proprio un bel via vai di campanelli. Uno di quei luoghi che tutti sa accogliere.

La missione delle Suore Francescane della Carità Cristiana, che risiedono nel Convento di Nostra Signora di Guadalupe, è quella di fornire un luogo di preghiera e ospitalità ai pellegrini che vengono a testimoniare e pregare per la vita proprio sul marciapiede dell’ultima struttura per aborti del Missouri a St. Louis. Attraverso questo ministero, le suore contribuiscono a costruire una cultura della vita e una civiltà dell’amore. Questa la descrizione presente nel loro sito.

La posizione del convento è in qualche modo unica perché si trova proprio di fronte a una clinica Planned Parenthood che sembra essere l’ultima clinica per aborti dello stato. E altrettanto straordinario e unico è il fatto che da quando il convento è stato aperto nel 2017, il numero di aborti al Planned Parenthood è diminuito drasticamente.

L’idea di aprire il convento di Nostra Signora di Guadalupe è nata nel 2015. Alcune coppie cattoliche dell’arcidiocesi erano interessate a costruire una cappella vicino alla clinica Planned Parenthood per i sostenitori della vita, affinché potessero riunirsi per la preghiera e la comunione. Presentarono la loro idea all’allora arcivescovo di St. Louis Robert Carlson. L’arcidiocesi ha quindi acquistato una casa a tre piani direttamente dall’altra parte della strada.

La casa nel 2017 è stata adibita a convento e posta sotto la protezione di Nostra Signora di Guadalupe, che San Giovanni Paolo II aveva dichiarato Protettrice dei bambini non nati. Oggi il convento è gestito dal Respect Life Apostolite, una realtà all’interno dell’Arcidiocesi, ma le attività quotidiane sono sotto la responsabilità delle due Suore Francescane della Carità Cristiana che vi risiedono. Suor Sue Anne e suor Dolores Vogue.

«Quando entri, c’è una bella Cappella che può ospitare 25 persone, lì offriamo messa e adorazione», racconta suor Sue Anne, «poi c’è una cucina dove accogliamo le persone al piano principale e un’area con opuscoli, dispense e diversi materiali professionali che le persone possono raccogliere, accanto c’è anche un bagno pubblico. Il secondo piano ospita lo spazio abitativo personale delle sorelle. C’è anche un’ampia sala da pranzo in cui ospitiamo pranzi ed eventi, e poi la cucina e il bagno.

E poi c’è un terzo piano con una sala riunioni, che è anche uno spazio abitativo con una camera da letto in più e un ristorante. Infine c’è un grande patio di preghiera che è stato rinnovato circa due anni fa e che viene utilizzato per incontri, riunioni e altre attività pro life».

A parlare c’è anche Amy Costa, che è entrata a far parte del team di Respect Life Apostolate nel luglio 2021 come Coordinatrice del programma del convento. È anche coinvolta nel ministero di guarigione dell’aborto del Rachel’s Vineyard. Amy ha lavorato come infermiera per 27 anni nella cura dei pazienti, con oltre 20 anni di esperienza in travaglio e parto.

Ha la massima riverenza per la vita dal concepimento alla morte naturale e crede che sia un privilegio essere un avvocato per i più vulnerabili tra noi, in particolare dei non nati. Si sofferma a raccontare qualcosa sulla zona circostante la clinica e il convento, «l’ultima struttura per aborti non è nella zona migliore di St. Louis.

È un po’ ai margini di una zona residenziale, è una specie di area industriale per magazzini e uffici, quindi non è un posto in cui molte persone vogliono andare, specialmente da sole. E così, quando il convento è stato fondato, sono stata entusiasta perché mia figlia poco più che ventenne stava fuori dalla clinica Planned Parenthood come volontaria senza un posto sicuro dove sostare. Doveva camminare per un paio di isolati per usare un bagno».

Suor Anne specifica infatti che «il convento funge da spazio sicuro per i sostenitori prolife. I consulenti possono venire al convento per riscaldarsi quando fa freddo. E coloro che sono troppo intimiditi per pregare fuori da Planned Parenthood possono trovare uno spazio tranquillo nella Cappella del convento».

«Quindi l’ospitalità e la preghiera sono i principali obiettivi del convento», prosegue, «ma offriamo anche opportunità spirituali ai cattolici e ai pro-vita in tutta l’arcidiocesi, così le persone possono venire a celebrare la messa e la comunione o i loro incontri pro vita. Abbiamo anche organizzato raduni presso il convento. Ospitiamo più volte al mese messe di adorazione e pranzi. Il mese scorso, il convento ha ospitato una manifestazione di preghiera mentre la Corte Suprema stava ascoltando le discussioni orali riguardanti la Dobbs versus Jackson Women’s Health, un caso del Mississippi che ha il potenziale di ribaltare l’aborto legalizzato a livello nazionale». Raccontano di quest’ultima esperienza come una collaborazione tra Cielo e terra su più fronti, «avevamo persone sul marciapiede, persone che pregavano davanti al Santissimo Sacramento. Il convento sembrava avesse una specie di porta girevole quel giorno. È un posto sicuro. È un posto confortevole, ed è così accogliente».

Quanto in alcuni casi sia più facile prendere le persone per la gola, lo sanno bene queste sorelle, «siamo felici di essere conosciute per i nostri biscotti con le gocce di cioccolato. Quando entrano le persone noi diciamo, beh, vorresti qualcosa da bere o caffè o cacao o tè o qualsiasi altra cosa? E poi abbiamo degli spuntini in tavola, così loro proveranno i biscotti e ci incontreremo di nuovo. E si ricorderanno di quei cioccolatini, dei biscotti e delle patatine. In un certo senso è un rompighiaccio per conoscere le persone e le incoraggia a voler tornare di nuovo, se non altro per un biscotto con le gocce di cioccolato e un’Ave Maria».

Le sorelle poi fanno da vedetta alla finestra. Quando vedono il parcheggio della clinica pieno si adoperano per pregare e chiedere fortemente le preghiere degli altri. In alcuni giorni, le sorelle Sue e Delores si uniscono ai sostenitori provita pregando sul marciapiede fuori dalla clinica. Dicono che le auto di passaggio spesso suonano il clacson in segno di sostegno, ma di tanto in tanto ricevono anche commenti negativi. Suor Sue commenta così, «sento Dio che ci avvolge e so che siamo qui per il bene e per il suo onore e la sua gloria. Sento che abbiamo una protezione che alcune persone non hanno. Se Dio vuole che questo lavoro sia compiuto, lo vedrà compiuto. E perché temere quando ci dice di non aver paura?».

Il loro spirito è contagioso, «il convento di Nostra Signora di Guadalupe e la sua missione stanno attirando l’attenzione anche in altri luoghi», afferma Amy, «una coppia dell’arcidiocesi di Anybring ha recentemente visitato il convento e ha detto che sperano di lanciare qualcosa di simile in proprio».

La vita viene accolta nel luogo più caldo e accogliente: l’utero. Quando proprio dove dovrebbe trovare riparo viene minacciata, è l’accoglienza e la tenerezza di queste sorelle a difenderla. A suon di Ave Maria e gocce di cioccolato.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA IL TIMONE

Tags:
aborto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni