Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 03 Ottobre |
San Francesco Borgia
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Ecco la strada in cui Saulo si è convertito a Cristo ed è diventato Paolo

Rue Droite, à Damas

© Domaine public

La “Via Dritta” nella città vecchia di Damasco (Siria).

Zelda Caldwell - Rachel Molinatti - pubblicato il 25/01/22

Gli Atti degli Apostoli raccontano della conversione di san Paolo, disarcionato sulla via per Damasco, privato della vista, poi guarito e battezzato pochi giorni dopo. Sapevate però che si può localizzare con una certa precisione il punto esatto?

La storia è nota: Saulo di Tarso, che perseguitava i cristiani, è stato folgorato da Cristo lungo la strada per Damasco. Se oggi si parla della sua conversione “lungo la via di Damasco” è tuttavia tre giorni dopo, quando già si trovava in città, che egli si è veramente convertito ricevendo il battesimo. E di questa conversione si può anche individuare il luogo. 

Negli Atti degli Apostoli si legge infatti che 

quando era per strada e si avvicinava a Damasco, all’improvviso una luce rifulse dal cielo e l’avvolse col suo bagliore. 

At 9,3 

Completamente accecato, Paolo restò allora tre giorni senza mangiare e senza bere. In questo lasso di tempo, Dio apparve a un credente chiamato Anania e gli chiese di recarsi 

nella strada chiamata “Via Dritta”, da Giuda. 

Lì, Anania impose le mani all’antico persecutore dei cristiani perché recuperasse la vista. 

Anania partì dunque ed entrò nella casa. Impose le mani a Saul dicendo: «Saul, fratello, chi mi ha mandato è il Signore, è Gesù che ti è apparso sul cammino per il quale tu venivi. Ora ritroverai la vista e sarai pieno di Spirito Santo». E subito gli caddero come delle squame dagli occhi, e ritrovò la vista. Si alzò e poi fu battezzato. 

At 9,17-18 
STRAIGTH STREET; DAMASCUS
La “Via Recta” di Damasco in una cartolina del 1900.

La cartolina qui sopra raffigura la famosa “Via Dritta” di Damasco, in Siria, nel 1900: data la relativa stabilità dei toponimi riguardati dall’agiografia, la si può ritenere quella menzionata negli Atti. Ancora oggi la si chiama alla latina, “Via Recta”, ed è l’antica via romana che attraversa la città vecchia di Damasco dall’asta all’ovest. 

Oggi la strada è ben cambiata, come testimonia la foto di copertina: la metà della strada che sta a occidente si chiama “Midhat Pasha” (dal nome di un antico governatore della Siria), mentre l’altra metà è stata chiamata “Bab Sharqi” (nome che in ebraico significa “la porta dell’Est”), per via della sua collocazione nella parte orientale della città. 

Oggi alcuni pellegrini vi si soffermano quando cercano di ripercorrere l’itinerario di san Paolo. 

Scoprite la conversione di san Paolo nei pittori più famosi:

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
conversionedamascopellegrinaggiopersecuzione cristianisan paolosiria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni