Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Maggio |
Sant'Agostino di Canterbury
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Le tradizioni natalizie e l’importanza di mettere Gesù al centro

shutterstock_1235661829.jpg

Di Annamaria Zappatore|Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 30/11/21

di Andrés D’Angelo

La tradizione consiste nella trasmissione del fuoco, non nell’adorazione delle ceneri”. È una delle frasi spesso attribuite a G.K. Chesterton.

La frase, con il tipico acume chestertoniano, ci mette davanti a una domanda che in genere le persone che detestano le “tradizioni” ci pongono quando noi, che ci rifacciamo a tradizioni antichissime, le esprimiamo con orgoglio: “Perché celebriamo tradizioni estranee di culture forestiere come se fossero nostre?”

httpwww-primeroscristianos-comimagessanta_claus.jpg

Ad esempio, la “tradizione” di mangiare cibi ipercalorici (adatti all’inverno europeo) nell’emisfero sud, dove fanno 35 gradi all’ombra, non sembra una tradizione molto ragionevole, no? O mettere un pino simulando che le sue foglie siano coperte di neve quando fuori gli uccelli si sciolgono dal caldo… non sembra avere una grande logica.

Noi cattolici siamo pieni di tradizioni che non hanno molto senso, come quella delle uova di cioccolato a Pasqua. Da dove nascono queste tradizioni?

Perché le manteniamo anche quando alcune di loro non hanno il minimo senso e lo sappiamo? Cos’avrà a che vedere un coniglio che nasconde delle uova con la Gloriosa Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo?

È un caso che questo accada con la religione cattolica?

No. Il cattolicesimo è una religione “incarnata”. Una religione che non solo non disprezza il corpo, ma lo inserisce come parte cruciale delle devozioni.

Così, ad esempio, entrando in una chiesa in cui il Santissimo è nel tabernacolo facciamo una genuflessione, cosa che molti fratelli separati definiscono “calistenia cattolica”.

Facciamo il segno della croce, ci inginocchiamo e ci fermiamo durante alcune parti della Santa Messa, e facciamo molte cose con il nostro corpo importantissime per le nostre devozioni.

Compiamo anche pellegrinaggi e digiuni, e tutti i nostri sacramenti hanno una parte “fisica” che ci rende visibili le realtà spirituali.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
gesùnataletradizioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni