Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

La famiglia che ha adottato una bambina senza gambe né braccia mostra che l’amore vince tutto

Stewart Family Facebook

Zelda Caldwell - pubblicato il 11/11/21

“Sapevamo di poterla amare, e che amarla era la cosa più importante!”, dice la mamma adottiva di Maria

Un anno dopo aver adottato una bambina nata senza braccia né gambe, Adrianne e Jason Stewart hanno deciso di condividere con tutti la benedizione di convivere con una bimba così speciale.

Nel 2016, Adrianne ha postato un video su Youtube e ha condiviso l’arrivo di Maria. Da allora, il video è stato visionato quasi tre milioni di volte.

Una storia di gioia, amore e speranza

Anche se non avevano parlato dell’adozione di un bambino con necessità speciali, l’agenzia di adozione ha inviato alla famiglia Stewart una lista di bambini per i quali aveva avuto difficoltà a trovare una casa. Nella lista c’era anche Maria, che viveva in un orfanotrofio per portatori di necessità speciali nelle Filippine. Sono rimasti subito colpiti dalla bellezza del suo sorriso, e hanno avuto la certezza di volere che la piccola facesse parte della loro famiglia.

“Quando abbiamo trovato nostra figlia, non pensavamo di essere sufficientemente qualificati o preparati per allevare una bambina come lei, una bimba nata senza braccia né gambe, ma sapevamo di poterla amare, e che amarla era la cosa più importante!”, ha affermato Adrianne.

Secondo la CNN, gli Stewart hanno reso pubblica la loro storia per incoraggiare altre famiglie a prendere in considerazione l’idea di adottare bambini con necessità speciali. Allo stesso modo, volevano anche incoraggiare le donne che pensano di abortire bambini in queste condizioni a riconsiderare la propria decisione.

Maria, la grande benedizione

La famiglia ha continuato a mostrare lo sviluppo di Maria su un canale di Youtube. Scuola, accompagnamento con terapeuti occupazionali e fonoaudiologia hanno favorito grandi progressi.

“Mettiamo dei limiti alle sue capacità, e poi la vediamo fare esattamente quello di cui pensavamo non fosse capace”, ha scritto Adrianne.

La mamma adottiva ha chiarito che Maria non è la più fortunata in questa situazione: “È una grande benedizione averla nella nostra famiglia. Ci ha reso persone migliori. Ci ha insegnato a trovare la gioia nelle piccole cose, a non essere tristi o delusi per quello che non abbiamo e a non dare per scontato ciò che abbiamo. La cosa più importante che ci ha insegnato è che siamo capaci di fare molto più di quanto pensiamo”.

Tags:
adozione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni