Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni da Capestrano
Aleteia logo
home iconSpiritualità
line break icon

Il Purgatorio, la misericordia divina nell’aldilà

PURGATORY

Antonio María Esquivel | Public Domain

Vanderlei de Lima - pubblicato il 05/10/21

Cosa dobbiamo fare di fronte alla realtà del Purgatorio?

La verità di fede riguardo al Purgatorio ci viene esposta con queste parole: “Esiste il Purgatorio, ovvero uno stato di purificazione morale in cui le anime ancora non completamente pure vengono purificate mediante pene, diventando degne del cielo” (Bernardo Bartmann. Teologia dogmática. vol. 3. San Paolo: Paulinas, 1962, p. 448).

La parola “Purgatorio”, se considerata a partire dalla sua radice latina, può prestarsi a confusione, perché sarebbe letteralmente intesa come il “luogo in cui ci si purga”. In realtà, è uno stato in cui la persona morta nell’amore di Dio, e quindi certa della sua salvezza eterna, ma non del tutto ripulita dalle tracce dei peccati lievi commessi, si purifica interamente per poter vedere faccia a faccia (cfr. 1 Cor 13, 12) la Bellezza Infinita (cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 1030). Sì, nulla di impuro entra nella Gerusalemme celeste (cfr. Sap 7, 25; Is 35, 8), ma Dio, nella Sua misericordia, dà a quell’anima la possibilità della purificazione postuma (cfr. 2 Mc 12, 39-45; 1 Cor 3, 10-16; Mt 5, 25-26). 

Qui si affronta già un punto fondamentale: se il Purgatorio è una concessione della Divina Misericordia, non ha nulla a che vedere con i castighi dell’Inferno (cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 1031). Detto questo, sorgono tre domande a nostro avviso collegate: qual è l’essenza del Purgatorio? Che pena soffrono le anime in questo stato? Come spiegare il cosiddetto “fuoco del Purgatorio”?

Rispondiamo che l’essenza del Purgatorio consiste in una purificazione totale capace di spegnere “anche la minima imperfezione che si interponga tra l’anima e Dio” (Leo Trese. A fé explicada. 3ª ed. São Paulo: Quadrante, 1981, p. 140). La pena più grande che soffrono le anime in questo stato è quella di vedere rimandato il loro immenso desiderio di incontro con Dio. Trese scrive che “la sofferenza maggiore del Purgatorio sarà la penosissima agonia che l’anima deve soffrire vedendo rimandata, anche se solo per un istante, la propria unione con Dio” (idem). Quanto al cosiddetto fuoco del Purgatorio – che non è dottrina di fede (cfr. Schmaus, Bartmann, Garrigou-Lagrange, Royo Marín; Otto, Bettencourt ecc.) –, può essere inteso come un simbolo o una metafora per indicare la sofferenza derivante dal rimandare l’incontro faccia a faccia con Dio (cfr. Mons. Estêvão Bettencourt, OSB. Curso de Escatologia. Rio de Janeiro: Mater Ecclesiae, 1993, p. 57).

Se il Purgatorio è uno stato in cui l’anima ha la certezza per la quale – non appena si libererà dalle tracce dei peccati lievi – vedrà Dio faccia a faccia in cielo, può provare solo pace e allegria (cfr. Santa Catarina de Genova. O Tratado do purgatório, in F. Aquino. O purgatório: o que a Igreja ensina. Lorena: Cléofas, 2006, p. 74).

Alcuni chiedono quanto “tempo” – usando una categoria di questo mondo – dura il Purgatorio. La Chiesa ci risponde che il Purgatorio in sé durerà fino alla fine dei tempi. Nel frattempo, ogni anima in particolare “deve dirsi che la pena sarà tanto più lunga e intensa quanto è maggiore l’espiazione richiesta” (Reginald Garrigou-Lagrange. O homem e a eternidade. San Paolo: Flamboyant, 1959, p. 206). Alla fine, la purificazione o il distacco dalle tendenze peccaminose è la grande ragion d’essere di questo stato di purificazione nell’aldilà.

Dopo tutto quello che è stato detto, resta la grande domanda: cosa dobbiamo fare di fronte alla realtà del Purgatorio? La risposta sembra comportare due parti. La prima riguarda noi stessi: vivere lontani dal peccato attraverso la vita santa alla luce degli insegnamenti della Madre Chiesa. Madre che, sapendo che siamo peccatori, ci offre il rimedio salutare nel sacramento della Confessione. Oltre a questo, è molto importante che ci dedichiamo all’amore per il prossimo (cfr. 1 Pt 4, 8) e all’ascesi (cfr. 1 Cor 9, 24-27), per realizzare il nostro “purgatorio” in questo mondo. La seconda si riferisce ai fratelli e alle sorelle già defunti. Dobbiamo pregare per tutti loro perché entrino quanto prima nella Città Santa in cui l’architetto e il costruttore è Dio stesso (cfr. Eb 11,9-10). 

È poi improprio pregare “per le anime più abbandonate o dimenticate del Purgatorio”, perché la Chiesa, da madre affettuosa che è, non dimentica, nelle sue preghiere, nessuno dei suoi figli e delle sue figlie.

Lodiamo e ringraziamo, quindi, Dio perché ci offre il Purgatorio come concessione della Divina Misericordia nell’aldilà!

▶️ LE TESTIMONIANZE DAL PURGATORIO IN UN MUSEO ◀️

Tags:
purgatorio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni