Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale con coppie omosessuali

Antoine Mekary | ALETEIA

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 21/09/21

Ne ha parlato con i gesuiti in Slovacchia. E sulla sua recente malattia lancia una stoccata forte: alcuni mi volevano morto, so che dei prelati si incontravano per preparare il Conclave...

Il gender è una ideologia pericolosa ma non c’entra nulla con la «questione omosessuale». Una coppia omosessuale, invece, bisogna portarla verso l’ «incontro con Cristo»: si è espresso così Papa Francesco nell’incontro con i gesuiti che si è svolto domenica 12 settembre, durante il suo viaggio apostolico in Slovacchia. A riportare i contenuti dell’incontro è La Civiltà Cattolica (21 settembre).

In diverse occasioni il pontefice si è soffermato con i “colleghi” gesuiti. Qui Papa Francesco è alla presentazione degli Escritos alla Curia dei Gesuiti a Roma.

La tentazione di “tornare indietro”

Il Papa ha dapprima lanciato l’allarme su uno dei mali che attanaglia la Chiesa: «la tentazione di tornare indietro». Il pontefice la definisce «una ideologia che colonizza le menti (…). Non è un problema davvero universale, ma piuttosto specifico delle Chiese di alcuni Paesi». Tutto nasce da un mondo ostaggio di dipendenze e virtualità. E’ in questo contesto che la libertà, secondo Francesco, fa «paura». E fa l’esempio del  «grande inquisitore di Dostoevskij. Trova Gesù e gli dice: “Perché hai dato la libertà? È pericolosa!”. 

«L’inquisitore – spiega Papa Francesco – rimprovera Gesù di averci dato la libertà: sarebbe bastato un po’ di pane e nulla di più. Per questo oggi si torna al passato: per cercare sicurezze. Ci dà paura celebrare davanti al popolo di Dio che ci guarda in faccia e ci dice la verità. Ci dà paura andare avanti nelle esperienze pastorali. Penso al lavoro che è stato fatto – padre Spadaro era presente – al Sinodo sulla famiglia per far capire che le coppie in seconda unione non sono già condannate all’inferno. Ci dà paura accompagnare gente con diversità sessuale.  (…) Questo è il male di questo momento. Cercare la strada nella rigidità e nel clericalismo, che sono due perversioni». 

“L’ideologia ha sempre il fascino diabolico”

Uno dei gesuiti presenti ricorda che il Papa parla spesso delle colonizzazioni ideologiche che sono diaboliche. Fa riferimento, tra le altre, a quella del «gender». «L’ideologia ha sempre il fascino diabolico, come dici tu – replica il Papa – perché non è incarnata». 

Per il pontefice questa ideologia è «pericolosa (…) come io la intendo. Lo è perché è astratta rispetto alla vita concreta di una persona, come se una persona potesse decidere astrattamente a piacimento se e quando essere uomo o donna. L’astrazione per me è sempre un problema. Questo – precisa Papa Francesco – non ha nulla a che fare con la questione omosessuale, però».

«Se c’è una coppia omosessuale – sottolinea il Papa -, noi possiamo fare pastorale con loro, andare avanti nell’incontro con Cristo. Quando parlo dell’ideologia, parlo dell’idea, dell’astrazione per cui tutto è possibile, non della vita concreta delle persone e della loro situazione reale».

Il rito antico e quei giovani “indisciplinati”

Papa Francesco si è anche espresso sulla «decisione di fermare l’automatismo del rito antico» per la santa messa, sperando che così «si possa tornare alle vere intenzioni di Benedetto XVI e di Giovanni Paolo II. La mia decisione è il frutto di una consultazione con tutti i vescovi del mondo fatta l’anno scorso. Da adesso in poi chi vuole celebrare con il vetus ordo deve chiedere permesso a Roma come si fa col biritualismo. Ma ci sono giovani che dopo un mese di ordinazione vanno dal vescovo a chiederlo. Questo è un fenomeno che indica che si va indietro».

MESSE-TRIDENTINE

“Alcuni mi volevano morto”

Infine, una battuta a chi gli ha chiesto come si sente. «Sono ancora vivo. Nonostante alcuni mi volessero morto. So che ci sono stati persino incontri tra prelati, i quali pensavano che il Papa fosse più grave di quel che veniva detto. Preparavano il conclave. Pazienza! Grazie a Dio, sto bene»

Tags:
omosessuali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni