Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 28 Giugno |
Sant'Ireneo
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Vende il suo argento olimpico per aiutare Miłoszek, un neonato gravemente malato

Maria Andrejczyk

Javier SORIANO | AFP

Cerith Gardiner - pubblicato il 26/08/21

La lanciatrice polacca di giavellotto Maria Andrejczyk, iridata alle Olimpiadi di Tokyo, ha venduto la propria medaglia per finanziare l'operazione di Miłoszek, un bambino malato.

Quando Maria Andrejczyk ha portato per la prima volta la sua medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Tokyo, lo scorso 6 agosto, essa valeva tutto l’oro del mondo: era il frutto di allenamenti indefessi e di grande perseveranza. Eppure la campionessa non ha esitato a metterla in vendita – mercoledì 11 agosto – per partecipare ai finanziamenti per l’intervento di Miłoszek, un bambino di otto mesi che deve subire un’operazione al cuore.

«Mi sono battuta come una leonessa», ha raccontato evocando la propria guarigione da un carcinoma osseo diagnosticatole qualche anno fa: la sofferenza della famiglia del piccolo Miłoszek Małysa non le era dunque ignota.

La messa all’asta della sua medaglia ha permesso di raccogliere 125mila dollari. Altri donatori si sono aggiunti per coprire l’elevato costo dell’intervento. Il bambino dovrebbe essere operato al centro medico universitario di Stanford (USA), ma la storia non finisce qui. Żabka, la catena di negozi che ha comprato la medaglia ha deciso di non entrarne in possesso:

Siamo stati toccati dal gesto estremamente bello e nobile della nostra campionessa olimpica, per questo intendiamo sostenere la raccolta fondi per Miłoszek. Abbiamo deciso di lasciare alla signorina Maria la sua medaglia d’argento.

Molto legata alla sua fede, l’atleta ha raccontato di «pregare prima di ogni competizione». Si è vantata di dovere la sua performance a Dio e al suo “disegno”. Il piccolo Miłoszek resta ospedalizzato nella sua Polonia mentre attende di volare verso gli Stati Uniti. Non resta che attendere che, una volta superata la prova, riesca a incontrare la sua benefattrice.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
olimpiadi tokyo 2020
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni