Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconFor Her
line break icon

Papà aiuta la figlia a rifare la coreografia olimpica sul lettone (VIDEO)

https://www.instagram.com/tv/BzSb4KjndOt/?utm_medium=copy_link

Giovanna Binci - pubblicato il 09/08/21

Quando tua figlia ha un sogno, un genitore non può fare altro che accompagnarla... Anche col fiato corto!
La piccola Raquel rifà la coreografia olimpica della sua eroina in diretta con un coach d'eccezione: suo papà!

Si sono appena concluse le Olimpiadi di Tokyo 2021, eppure stamattina c’era mia figlia che provava il tuffo carpiato stile Quan Hongchan dal divano e io che battevo il record di Jacobs per acchiapparla (in battiti cardiaci, di sicuro). Mi è pure toccato darle tutti dieci. 

L’altra figlia nel frattempo stava trasformando il bagno nella piscina olimpionica per la gara dei 400 con pannolino. 

Il lettone come Tokyo

Per fortuna sono in buona compagnia a giudicare dal video che ho incrociato sui social giusto ieri. 

L’Olimpiade è quella di Londra 2012 e c’è una bambina col body, in piedi sul lettone dei genitori davanti alla TV che manda in mondovisione la sua eroina: Alexandra Raisman, ginnasta del team USA. 

View this post on Instagram

A post shared by Raquel Arruda (@little.raquel)

La piccola Raquel dopo un inizio solenne e una posa concentrata mano sulla spalla, sguardo fiero e mento sollevato, inizia a seguire la coreografia della campionessa in diretta. Passi, saltelli, movenze delle mani. 

Accompagnare verso un sogno

La stanza da letto è subito la capitale inglese e l’emozione è palpabile. 

Davanti a lei, il suo sogno nei panni di una ragazza con capelli tirati in uno chignon, che salta su un ritmo frenetico. Di fianco a lei…suo papà

Certo perché a tre anni o giù di lì sanno fare benissimo capriole e tipi di salti (forse meglio dire… voli) che nessuna tecnica riuscirebbe a spiegare, in barba alla forza di gravità, ma se si tratta dell’esibizione delle Olimpiadi, ci vuole serietà e un coach d’eccezione. Il migliore. 

L’ho visto un attimo col fiato corto sul finale, almeno quanto me che scattavo nei 100 metri stamattina, in piedi da mezzo minuto e se mi facevano l’anti doping con manco uno straccio di caffè all’attivo, ma la sua performance è stata eccezionale. 

Giravolte, prese per simulare salti mortali, in avanti, all’indietro: insomma, che per essere genitori ci voglia il fisico, è indubbio. 

Le olimpiadi dei genitori

Qui l’allenamento è costante, ti sfianca e le gare sono tutte di fila. Altro che orari e gare notturne. 

Le Olimpiadi di un genitore non finiscono mai. 

Alla cerimonia d’apertura poi avevo il pigiama con gli unicorni, altro che tuta Giorgio Armani. 

Certi giorni sei così stanco che temi di non farcela, a portare a casa la medaglia, certi altri vorresti ritirarti (una settimana in una spa in Trentino, ma più realisticamente anche nello sgabuzzino a mangiare patatine e bere Spritz) come Simon Biles, ma non c’è questa opzione (se non c’è la baby sitter disponibile per lo meno). 

Alcune volte ti chiedi se tutto questo se lo ricorderanno, un giorno: tu, le maratone a raccogliere Lego senza rimetterci un piede, di certo. La realtà è che essere genitore è lo sport più estremo che conosca. Quello per cui non c’è preparazione atletica abbastanza tosta o completa da poterti salvare dai sensi di colpa, di inadeguatezza, da farti arrivare a fine giornata senza fiato corto.

Record di cuore

I genitori ce la mettono tutta, non mollano di mezzo centimetro anche quando più che uno sprint è un trascinarsi fino alle ventuno. Ci sono record che nessun cronometro segna, ci sono sogni che iniziano dal lettone di casa, con un papà come allenatore, tifoso, arbitro, telecronista e tutto quello che serve. Perché la vera cosa che serve per arrivare sui podi della vita è il cuore e noi genitori, anche se non vantiamo il tono muscolare di Tamberi, il tono del cuore, ce lo abbiamo da prestazione olimpica. 

Tags:
olimpiadi tokyo 2020paternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni