Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconFor Her
line break icon

Paige sopravvive all’attacco di uno squalo perché papà lo prende a pugni

PAIGE WINTER

Abc News|Youtube

Giovanna Binci - pubblicato il 15/07/21

Ci sono cose improbabili, come essere attaccati da uno squalo (uno ogni 3,7 milioni), ma cose ancora più improbabili e straordinarie le fa fare l'amore: come il papà di Paige Winter, che ha letteralmente preso a pugni lo squalo che la stava portando via.

“Se la tocchi, ti prendo a pugni”: potrebbe sembrare la frase di un padre iperprotettivo che non approva l’appuntamento della figlia al ballo della scuola, in realtà è ciò che deve aver pensato Charlie quando ha visto sua figlia trascinata sott’acqua da uno squalo due anni fa.

Una storia da film, un amore reale

Proprio in questi giorni, nell’anniversario di quell’incidente avvenuto nel 2019, Paige e suo papà promuovono un documentario per National Geographic che racconta la loro storia. Storia di un papà che non si è arreso e che ha dato a sua figlia la vita una seconda volta. Perché niente è più “da film” di un amore reale come quello di un genitore che ti fa fare cose impossibili e vince contro ogni probabilità , anche contro uno squalo.

La storia di Paige Winter

E’ una calda giornata di giugno come tante. Una spiaggia del North Carolina. Una ragazzina di 17 anni gioca in acqua alle sirene quando ad un tratto qualcosa le afferra l’anca. Pensa a uno scherzo di suo padre, in mare con lei poco distante, ma poi il dolore, la sensazione di essere trascinata sotto e un incubo, una scena vista solo in TV, che ora è davanti ai tuoi occhi: uno squalo, arrivato nella baia stordito dalle piogge dei giorni precedenti.

Due anni fa, mentre la riva si allontana sempre di più, Paige Winter pensa che sia la fine di tutto, ma solo per un attimo. Poi ha ripreso a lottare e ha pensato a Dio, poco prima che il suo corpo andasse in black out per lo shock e il dolore:

“Ti prego, ho, ho tipo 17 anni. Non lasciare che muoia. Non sono pronta. Ho ancora tante cose da fare”

si legge nell’intervista rilasciata al Mirror.

Uno squalo…di papà!

Dio però non può essere sempre dappertutto e per questo ha inventato i padri (lo so, lo so, il proverbio ebraico è al femminile, ma per questa volta facciamo un’eccezione!). Quello di Paige è un ex marines diventato Vigile del Fuoco, ma soprattutto, è uno che letteralmente ha preso a pugni uno squalo toro (nell’intervista a ABC News lo vedete mentre mima i colpi sferrati alla fiera marina) e ha salvato così sua figlia.
“Stai cercando di prendertela, ma non puoi averla”, continuava a ripetersi Charlie coi piedi puntati tra la sabbia, in mezzo all’acqua colorata di rosa.

Nemmeno nei migliori film ti immagini un finale così, un vera “americanata” direi: un uomo che vince a mani nude contro un animale del genere, per giunta credo molto determinato dopo aver sentito il sangue.

Eppure quando la probabilità diventa cruda realtà (quella di essere uccisi da uno squalo è una su 3,7 milioni, dicevamo) la cosa ancora più improbabile, che supera ogni immaginazione e aspettativa resta comunque la nostra reazione.

Come un papà che con tutte le sue forze le dà di santa ragione a uno squalo fin quando non molla sua figlia. Come una ragazzina di 17 anni, oggi senza la gamba sinistra, che, per quanto sia stata dura, racconta la sua storia con la convinzione che da tutto “si possa ricavare qualcosa di positivo”.

View this post on Instagram

A post shared by Paige Winter (@probably.paige)

Improbabile gratitudine

Non pensa solo a ciò che ha lasciato tra quelle onde, quella mattina, Paige, a quanto quello squalo le abbia portato via, ma a tutto quello che ancora può fare grazie a suo padre. Dicono che quando stai per morire tu riveda tutta la tua vita davanti a te, invece lei ha raccontato:

“ho visto tutto il futuro davanti a me. Tutti i miei sogni e le cose che avrei voluto diventare”.

Questa ragazza piena di desideri, come tutti a 17 anni, non ha pensato per un attimo a quello che era stato, ma a tutto quello che poteva essere ancora. Per fortuna, quell’”ancora” è arrivato, forse un po’ diverso da come lo immaginava. Ma il bello dei sogni è che non c’è limite all’immaginazione e che, ancora contro ogni probabilità, riusciamo a raggiungerli in modi che non avevamo pianificato.

Uno squalo le ha cambiato la vita, lei ha deciso di cambiarla in meglio

Ecco tutta la differenza tra una casualità che per sfortuna diventa reale e muta il corso degli eventi e la nostra capacità tutta umana di rendere quello che ci accade un capolavoro.
Paige, coi suoi capelli colorati e la sua protesi “muccata” (un bellissimo “pimp” che ho visto sul suo profilo Instagram) credo sia troppo grata per quello che le è stato restituito per focalizzarsi su ciò che le è stato tolto.

Cosa che noi, spesso, dimentichiamo.
Paige non ha smesso di amare il mare e gli animali marini. “In fondo, ha fatto solo lo squalo”, continuava a ripetere ai medici che la hanno soccorsa quella mattina fuori dall’acqua.

Attenti agli squali…ma ai papà di più!

Ci sono creature meravigliose su questo pianeta. Stupefacenti. Come gli squali, affascinanti, terribili. Ma i papà sono di certo le creature più meravigliose e, siete avvisati squali, se li mettete alla prova, anche più pericolose di voi!

Tags:
paternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni