Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconChiesa
line break icon

L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazione è un “segno” di Medjugorje

MEDJUGORJE

Shutterstock-Hieronymus

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/07/21

Mons. Hoser, in una intervista al Sir, spiega cosa accade durante la preghiera nel paesino bosniaco delle apparizioni mariane: qui si offrono ai pellegrini eucaristia, rosario, conversioni, non cose soprannaturali

L’applauso spontaneo che scatta a Medjugorje dopo l’adorazione del Santissimo Sacramento è un segno della presenza del Signore. A sostenerlo è l’inviato del Papa nel paesino bosniaco delle apparizioni mariane.

«Bisogna vivere l’atmosfera di questo luogo, quella preghiera e quella liturgia. Bisogna seguire di persona il cammino del rosario e la Via Crucis, il racconto non basta…», afferma all’agenzia Sir (19 luglio) mons. Henryk Hoser, che è anche responsabile per la pastorale dei pellegrini. 

Luogo di “dialogo” con il Signore

Mons. Hoser, parlando con il Sir ha osservato che sebbene ci siano «delle opinioni contrastanti riguardo alle presunte visioni», bisogna «vivere la realtà di Medjugorje» che è «un luogo di riflessione e di preghiera, di incontro e di dialogo con il Signore».

Statua della Madonna a Medjugorje

Medjugorje e la pandemia

Secondo l’inviato del Papa, la pandemia non ha condizionato il “messaggio” di Medjugorje. «Il messaggi è sempre attuale poiché è l’appello alla conversione, alla pace, al ritorno a Dio rivolto a delle persone che non pregano più, e che non hanno più un contatto diretto con il nostro Creatore e Redentore. Tale invito alla penitenza, alla conversione e alla vita sacramentale, direi, è sempre più attuale. E i sacerdoti che celebrano in quel luogo, nel loro lavoro pastorale mettono l’accento proprio su questi aspetti. A Medjugorje molte persone si convertono davvero nel profondo dei loro cuori, ci sono molti casi di risveglio vocazionale, di cambiamento di vita».

Mons. Hoser.

“I più numerosi dai Paesi dell’Est”

Con l’allentamento delle misure anti covid, stanno tornano nel paesino bosniaco anche i pellegrinaggi. «Prima della pandemia – spiega Hoser – vi erano circa 3 milioni di pellegrini l’anno. Con i divieti imposti a causa del virus, per esempio molti pellegrini dall’Italia sono stati scoraggiati a venire. Anche perché dopo il rientro sarebbero sottoposti a quarantena. Adesso, pian piano, gli arrivi stanno riprendendo. Questo è molto importante per la gente del posto che vive grazie agli arrivi dei pellegrinaggi. Attualmente i gruppi più numerosi provengono dai Paesi dell’Est». 

Eucaristia e preghiera per la guarigione 

L’inviato del Papa ribadisce che «qui non si offrono ai pellegrini delle cose soprannaturali. Si prega insieme sul rosario, si celebra l’eucaristia e quindi si dà alla gente il pane quotidiano, cosa che la Chiesa fa da millenni. Dopo l’eucaristia spesso si recita la preghiera per la guarigione. Nulla di particolare»

L’Adorazione

Molti pellegrini, proprio a Medjugorje, «riscoprono l’Adorazione del Santissimo al termine della quale solitamente le persone applaudono. E quell’applauso è diventato in qualche modo un segno di Medjugorje. Spesso in Occidente, a causa di una crescente laicizzazione, le chiese assomigliano ad un deserto spirituale.A Medjugorje è diverso. E proprio per questo invito tutti a venire qui».

Le visioni e la madre di Dio 

Nei giorni scorsi è stato a Medjugorje anche il card. Stanislaw Dziwisz, ex arcivescovo di Cracovia e dal 1966 al 2005 segretario particolare di Giovanni Paolo II. «Medjugorje – ha detto – è un luogo di grande preghiera e di conversione attraverso la preghiera, la confessione e la penitenza. Non tanto sono importanti le visioni bensì il fatto che questo è un luogo d’incontro con la Madre di Dio».

Tags:
medjugorje
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni