Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Teresa d'Avila
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Katy Perry e l’indigestione di “body positivity”

Simon Burchell / Featureflash/Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 22/04/21

Ci piaceva quando cantava Tiger e ancora di più ora che grazie alla maternità sta sperimentando come tutte noi che desideri e priorità prima irrinunciabili vengono dopo il benessere del nostro bambino. Ma questo non deve significare per forza sbandierare sciatteria.

Katy, grazie, ma la prossima volta, anche un pelo meno! E quando dico “pelo”, intendo proprio pelo.

Diventare mamma: scoperte e cadute di stile

La cantante diventata mamma quasi un anno fa ha mostrato i polpacci irsuti che le si erano “accapponati” dopo una esibizione ad American Idol. Ha detto candidamente che non si rade da quando ha partorito perché:


“Da quando sono diventata mamma l’ultima cosa a cui penso è depilarmi le gambe“.

Non posso certo guardare la pagliuzza (o meglio, stare a fare il pelo!) alla Perry, io che ho “una trave nel mio occhio” e spesso mi trovo nella sua identica situazione che definiremo genericamente “livello Yeti”.

Il post parto è una lunga risalita

Ci siamo passate tutte, soprattutto dopo il parto: peli incolti da Silkepil modello “decespugliatore fossi”, doppie punte, ciambelline sui fianchi così dolci che mancano solo la glassa e gli zuccherini, ricrescita che per fortuna ormai è diventata shatush quindi almeno lì siamo a posto.

Volersi bene e mostrare tutto a tutti i costi non sono sinonimi

Tutta questa cultura del “mostrare” a tutti i costi per dire che stiamo bene, che non ci interessa, che siamo superiori ed è tutta bodypositivity che scorre, in realtà per me ha molto poco a che fare con lo stare bene davvero, con l’accettarsi, che è spesso qualcosa di molto più complesso, faticoso e delicato del dire semplicemente “guarda, i peli ce li ha anche la Perry!”.

Difetti in e difetti out

Certo, per un attimo mi fa sentire VIP e arrivata, ma poi si scende dal palco e si torna alla vita reale dove ci sarà sempre qualcosa di noi che la gente coi K su Instagram non avrà ancora sdoganato: un nuovo difetto, una nuova imperfezione che non riusciamo ad accettare, un neo che non ci piace e un alluce tremendo almeno fin quando la Katy di turno non lo avrà mostrato in mondovisione per dirci che va bene, è cool. 

Pudore e libertà

Avere pudore (non solo quando si tratta di tette, scollature e stacchi di coscia) è sempre la più bella forma di rispetto per noi stesse e il nostro corpo, per dire davvero:


“Sto bene non perché mi piaccia coi peli, le occhiaie o le smagliature, non perché ho tutto sotto controllo, sono forte e non mi interessa cosa pensano di me, ma perché questi segni, questo corpo che fatico a riconoscere con le sue imperfezioni può fare cose perfette e bellissime”. 

A volte ci si può mettere in secondo piano, per amore, per pensare a cose più importanti certo, dice Katy (e sottoscrivo da un lavello pieno di piatti e un pavimento davanti a cui non chiudo gli occhi solo per non uccidermi un piede con le Lego disseminate qua e là), ma a volte c’è da accontentarsi dei pantaloni fin quando non si ha tempo per radersi, dico io.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA MARY AND ME

Tags:
maternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni