Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconArte e Viaggi
line break icon

Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scritto Geova

© ChameleonsEye / Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 17/04/21

La scoperta dell’Autorità israeliana per l’Antichità nel deserto della Giudea. I frammenti si riferiscono ad alcuni versetti del libro di Zaccaria. E presentano alcune "anomalie"

Una nuova e importante scoperta nel deserto della Giudea: sono venuti alla luce nuovi frammenti della Bibbia. La scoperta, scrive il portale della Custodia di Terra Santa, è avvenuto durante gli scavi effettuati dall’Autorità Israeliana per l’Antichità.

I versetti ritrovati

Afferma Beatrice Rystra dell’Autorità Israeliana per l’Antichità: «I nuovi frammenti della Bibbia che abbiamo trovato includono i versetti 16 e 17, capitolo ottavo del libro di Zaccaria». 

“Ecco ciò che voi dovrete fare: parlate con sincerità ciascuno con il suo prossimo. Veraci e sereni siano i giudizi che terrete alle porte delle vostre città” (v. 16)

“Ciascuno con il suo prossimo”

Risalenti al II secolo A.C., i frammenti dei rotoli biblici del libro di Zaccaria non sono scritti in ebraico, ma in greco. «La frase “ciascuno con il suo prossimo” nella versione ebraica – prosegue Rystra – fa riferimento alla reciprocità. Questa frase in altre traduzioni è diversa. In inglese, per esempio, è tradotta con “uno all’altro”».

Sebbene il significato sembri il medesimo, le parole usate sono diverse. In alcune versioni troviamo la parola “umano”, in altre “ciascuno”.

“E di pace, nelle vostre porte”

Ma la differenza più sorprendente e inaspettata per i ricercatori è stata la frase “e di pace, nelle vostre porte“. Nei frammenti ritrovati di recente infatti questa frase differisce dall’originale ebraico (“alle porte delle vostre città”).

Secondo Rystra «ai tempi della Bibbia i luoghi abituali per i tribunali erano alle porte della città perché c’era più spazio. Nei frammenti recentemente trovati, tuttavia, la frase “nelle vostre porte” è stata cambiata in “nelle tue strade”».

I ricercatori non hanno ancora trovato una spiegazione a questa differenza, ma pensano che questo piccolo cambiamento potrebbe essere dovuto al background culturale del traduttore.

Perchè Geova? 

Un altro aspetto di questi nuovi frammenti della Bibbia che potrebbe sorprendere i non addetti ai lavori è la scrittura in ebraico antico del nome di Dio (YHWH): “Geova”. 

«Sembra che sia dovuto alla santità del nome – precisa l’archeologa – Nei Dieci Comandamenti è scritto: “Non pronuncerai invano il nome del Signore, tuo Dio”, nel senso che il suo nome non deve essere pronunciato inutilmente. Durante il periodo del Secondo Tempio addirittura, fu vietato pronunciare il nome di Dio. Così iniziarono a scrivere il suo nome in modo da non doverlo dire e facilitare così il lettore». 

Il processo di analisi e lettura di testi antichi è complesso e difficile. I ricercatori utilizzano per leggere i frammenti la tecnica fotografica multispettrale, considerata la più avanzata al mondo. «Ogni nuovo frammento, non importa quanto piccolo, apre ad un intero mondo di informazioni che prima non conoscevamo», conclude Rystra. 

YHWH, Geova: una lettura scorretta

Come riportato correttamente sul sito “Gli Scritti”, l’alternativa Dio/Signore o Geova per YHWH è una falsa alternativa. La pronuncia erronea Geova nasce spesso dall’ignoranza della regola grammaticale qerê-keṯîḇ dell’ebraico biblico. La cosa sorprendente è che non si tratta di una finezza grammaticale nota solo agli esperti, agli specialisti. La regola del qerê-keṯîḇ è qualcosa di semplicissimo.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni