Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nuova scoperta nella Basilica della Natività: ritrovato un fonte battesimale

fonte battesimale betlemme
Condividi

Protagonista del rinvenimento, a Betlemme, la ditta italiana che si occupa del restauro

Un nuovo fonte battesimale, probabilmente bizantino poi traslato in epoca crociata, è stato scoperto durante i lavori di restauro della Chiesa della Natività a Betlemme in Cisgiordania. Lo ha annunciato Ziad al-Bandak capo del Comitato presidenziale palestinese (Ansa, 23 giugno).

Il fonte battesimale è venuto alla luce quando il team attualmente al lavoro sui restauri stava facendo come elemento preparatorio la stratigrafia archeologica degli strati che occludono l’interno del pozzo.

Rai Tv
La Basilica della Natività a Betlemme

Nella parte sud della Basilica

«Rinvenuto – ha spiegato Bandak all’agenzia Wafa – durante i lavori in corso nella parte sud della Basilica. Era nascosto nel fonte battesimale ottagonale esistente, fatto di pietra simile a quelle delle colonne» .

Gli esperti dovranno ora stabilire una datazione più certa dell’oggetto, la cui bellezza indica anche la realizzazione per committenti importanti.  Sarà lo storico medievista Michele Bacci, italiano dell’Università di Friburgo a datare con precisione la nuova fonte.

I lavori di restauro all’interno della Basilica sono iniziati nel 2013 per conto della Ditta Piacenti che si è aggiudicata la gara internazionale lo stesso anno. Uno gioiello «splendido e di fattura squisita». Così Gianmarco Piacenti – capo dell’omonima azienda italiana che dirige i lavori – ha definito la scoperta (Arte Magazine).

Leggi anche: A Nazareth scoperta la probabile casa di Gesù

L’analisi degli strati

«Lo staff archeologico attualmente all’opera nella Chiesa – ha raccontato all’Ansa Piacenti – sta analizzando tutti gli strati tra i due fonti battesimali per aiutare nella datazione dei reperti. La nuova scoperta è un ulteriore tassello nella ricostruzione della storia della Basilica e della sua tradizione cristiana».

Sono già alcuni anni che la ditta Piacenti di Prato (Toscana) sta lavorando al restauro di quella che è sicuramente la chiesa al più importante al mondo. Ed è grazie a questa azienda che è stato fatto il ritrovamento del fonte battesimale, che ora vede tutti i riflettori puntati addosso per capire bene la sua datazione (Il Tirreno, 25 giugno).

Leggi anche: La scoperta della tomba di Santa Cecilia

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.