Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconFor Her
line break icon

Volete una sessualità felice? Fate l’amore dopo il matrimonio

LOVING COUPLE

Di Syda Productions | Shutterstock

Matrimonio cristiano - pubblicato il 14/04/21

Educarsi durante il fidanzamento alla tenerezza disinteressata e al dialogo profondo, senza avere l'obiettivo costante di arrivare all'amplesso, è il fondamento più solido per una sessualità piena e felice nel proprio matrimonio.

La castità proposta “medievale”?

Mi è cascato l’occhio su un articolo che ho scovato durante una semplice ricerca attraverso Google. Un articolo tratto dal magazine on line + Sani + Belli, che si rivolge prevalentemente ad un pubblico femminile. Un magazine che tratta tutto ciò che riguarda il benessere psicofisico della persona.

Questo articolo mi ha incuriosito perché offre una lettura semplicemente umana e relazionale su quanto la Chiesa propone da sempre: la castità. Una proposta spesso irrisa e considerata ormai desueta e sorpassata. Una proposta, come piace definirla ai progressisti nostrani, medioevale.

Educare la coppia alla tenerezza

Invece è una proposta vincente che noi non smetteremo mai di raccomandare e che può fare la differenza poi nel matrimonio. Non essere casti è un peccato, non solo perché lo dice la morale cattolica, ma perché non educa la coppia a vivere i gesti di tenerezza anche quando non sono finalizzati a concludersi con il rapporto sessuale.

L’autrice dell’articolo scrive:

Eppure, secondo una ricerca condotta dalla Brigham Young University’s School of Family Life, Utah (USA), e pubblicata sul “Journal of Family Psychology”, un matrimonio lungo e felice è possibile. Il segreto è nell’atteggiamento della coppia verso i rapporti pre-matrimoniali. Secondo lo studio condotto dal  professor Dean Busby su un campione di 2035 soggetti sposati, chi si astiene dal sesso prima delle nozze avrà maggiori possibilità di vivere un rapporto stabile e gratificante (+ 22%). La spiegazione è semplice: in base alla ricerca, le coppie che hanno demandato la scoperta sessuale alla prima notte di nozze, si sono concentrate maggiormente su altri fattori di conoscenza, come il dialogo, per instaurare un rapporto aperto e sincero, condividendo esperienze e sviluppando la capacità di risolvere i problemi in due.

Per una relazione viva e piena

Esattamente quello che noi abbiamo sempre cercato di spiegare con i nostri articoli. La castità è stata per noi quella marcia in più che ci ha permesso, con gli inevitabili alti e bassi, di costruire una relazione bella, che anche oggi, dopo diciotto anni di matrimonio, non è per nulla una relazione che si trascina svogliatamente ma è ancora viva e piena. Ancor più viva e piena di quando ci siamo sposati.

Perfezionare la relazione

La castità prematrimoniale ci ha davvero aiutato a perfezionare la relazione a 360 gradi. E’ pazzesco come le nostre relazioni siano costruite sbagliate. Fin dall’inizio. Nel fidanzamento si sperimenta il sesso in tutte le sue manifestazioni e poi, nel matrimonio, non si è più capaci di desiderarlo e di viverlo. 

Il rischio della desertificazione sessuale nella coppia

Per tanti, dopo alcuni anni, si aprono le porte del deserto sessuale. Cosa succede? Semplice. Si è capaci di parlare un linguaggio solo. Quello dell’amplesso e dell’incontro intimo. Non si è usato il fidanzamento come periodo di conoscenza, per perfezionare tutti gli altri linguaggi. Anche quando ci sono, baci, carezze, abbracci e attenzioni sono sempre finalizzati a concludersi nell’amplesso.

Questo poi nel matrimonio si paga con gli interessi. Nel matrimonio non c’è tutto il tempo, la voglia e il desiderio per queste manifestazioni di amore tenero e concreto. C’è tanto altro a cui pensare e che ci occupa il tempo. Nel fidanzamento invece, almeno di solito, c’è molto più tempo.

Impegno, preparazione, intenzione

Nel matrimonio serve impegnarsi. Serve andare oltre lo spontaneismo che spesso caratterizza le relazioni affettive. Serve cura e dedizione reciproca. Serve trovare tempo di qualità quando c’è stanchezza e preoccupazioni che ci distolgono dalla relazione. Serve parlare il linguaggio della tenerezza anche quando per tanti motivi non è possibile arrivare all’amplesso. Figli, gravidanze, metodi naturali, mancanza di tempo e di forze, rendono l’incontro intimo non più così semplice da cercare e desiderare.

L’importanza della vera tenerezza

Qui, la tenerezza disinteressata imparata nel fidanzamento può tornare molto utile e darci una marcia in più. Solo se nel fidanzamento ci si è educati a parlare diversi linguaggi d’amore, trovando gratificazione e piacere in quelle stesse manifestazioni, senza quindi renderle finalizzate e usate al solo fine di raggiungere il piacere sessuale, si potrà affrontare con i giusti strumenti il matrimonio.

Astinenza: spazio libero per la dolcezza

Solo così i momenti di astinenza non saranno momenti di aridità e di distanza tra gli sposi, ma saranno periodi di corteggiamento e di tenerezza. Periodi altrettanto dolci e belli e, cosa più importante, fecondi.

Utili a mantenere e ad alimentare la fiamma del desiderio. E’ fondamentale educarsi a questo modo di vivere l’amore. Se non si impara poi è difficile. Quando verrà per tanti motivi a mancare l’incontro sessuale si perderà il desiderio di vivere altre modalità e tutto diventerà povero e senza gioia. Un circolo vizioso che porterà sempre più in basso fino alla completa distanza emotiva, affettiva e sessuale tra gli sposi.

Capite l’importanza di imparare la tenerezza nel fidanzamento. Non è una richiesta assurda, ma una base necessaria, o quantomeno molto utile, sulla quale costruire tutta la casa del nostro matrimonio. Se volete un matrimonio santo imparate a vivere i gesti di tenerezza come parte meravigliosa del vostro rapporto. A volte condurranno all’amplesso e altre volte no. Saranno comunque momenti di meravigliosa e feconda unità. Lo saranno però solo se avrete imparato a viverli in modo autentico. Il fidanzamento è la prima scuola per educarsi a questo atteggiamento importantissimo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MATRIMONIO CRISTIANO

Tags:
sessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni