Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconSpiritualità
line break icon

Un’apparizione di San Giuseppe a Santa Fè, negli Stati Uniti?

ŚWIĘTY JÓZEF W KULTURZE

Metropolitan Museum of Art w Nowym Jorku/Wikipedia | Domena publiczna

Una raffigurazione di San Giuseppe mentre era al lavoro nella sua bottega di Nazareth.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 25/03/21

La storia della “scala miracolosa di San Giuseppe” al collegio di Loreto della città americana fa pensare ad un prodigio del santo falegname, padre putativo di Gesù

Un’apparizione di San Giuseppe ad alcune suore che si erano stabilite negli Stati Uniti? Non è un caso certificato dalla Chiesa quello che è accaduto a Santa Fè. Ma la realizzazione di un’opera unica nel suo genere, cioè una straordinaria scala a chioccola all’interno di un convento, si lega inevitabilmente a San Giuseppe.

Nel settembre del 1852 alcune Suore della Congregazione di Loreto andarono ad installarsi nel Sud-Ovest degli Stati Uniti, tra il Kentuchy, il Missouri ed il Kansas, nel Nuovo Messico, a Santa Fé. 

La morte di Madre Matilde

Fu un viaggio difficile e ad alto rischio, tanto che la Superiora designata, Madre Matilde, morì di colera. Suor Maddalena, subentrata come Superiora su mandato di Monsignor Lamy, Suor Caterina, Suor Ilaria e Suor Roberta.

Esse si installarono in una casetta, a Santa Fè, in mezzo ad una popolazione composta principalmente da messicani e da indiani.

HOLY FAMILY
L’immagine di Giuseppe è legata a quella di un anziano falegname. Prende spunto da qui la presunta apparizione di Santa Fè..

Un convento e una cappella

La loro prima preoccupazione fu quella di costruire un Convento ed una Cappella. Le nostre suore avevano deciso di farla costruire da carpentieri messicani in uno stile simile a quella della ‘Sainte Chapelle’ di Parigi, secondo i disegni dell’architetto P. Mouly, che aveva disegnato la Cattedrale di Santa Fé. Monsignor Lamy, che era francese, nutriva l’idea di costruire qualcosa di simile alla costruzione gotica della Sainte Chapelle di Parigi. 

Il patrocinio di San Giuseppe

Fecero dunque venire alcuni carpentieri messicani e, ben presto, una scuola venne edificata: il Collegio di Loreto. La costruzione della Cappella – che aveva una lunghezza di 22,5 metri, una larghezza di 7,5 metri ed una altezza di metri 22, 5 per ospitare il Coro – ebbe inizio il 25 luglio del 1873. 

Essa fu posta sotto il patrocinio di san Giuseppe ma, a fabbricato quasi finito, si constatò uno spaventoso errore di costruzione: la cappella era molto bella, come anche il Coro, ma non vi era nessun collegamento tra la tribuna ed il coro stesso! Nessuna tromba di scale e, tenuto conto dell’altezza della tribuna, era impossibile installarne una.

L’aiuto della Divina Provvidenza

C’era una sola alternativa: una scala a pioli oppure ricostruire l’intera galleria. Si può immaginare la delusione e la perplessità delle suore. Vennero fatti venire numerosi carpentieri per risolvere il problema, ma invano. Taluni proposero di mettere una scala, altri di radere al suolo l’intero edificio per ricostruirlo. Le Suore, come donne di profonda fede, decisero di non fare nulla sul momento, ma di iniziare una Novena a San Giuseppe e di aspettare l’aiuto dalla Divina Provvidenza. 

L’anziano carpentiere

E’ nell’ultimo giorno della Novena, che si materializza la presunta apparizione di San Giuseppe. Quando un uomo anziano, che sospingeva un asino carico di attrezzi, bussò alla porta dell’Istituto e chiese di parlare a Suor Maddalena, la superiora. Le propose di costruire una “scala naturale”, cosa che gli fu accordata, naturalmente. 

Quanto agli attrezzi, l’uomo ne possedeva solamente tre: una sega, un martello ed una squadra a T o goniometro, come lo testimoniarono le suore che, ogni tanto, assistevano ai lavori. Al posto dei chiodi, egli usava dei cavicchi di legno.

Il primo mistero

Dopo sei mesi, il lavoro fu finito e l’uomo scomparve dall’oggi al domani, senza lasciare tracce. Madre Maddalena, l’economa, preoccupata di assolvere il suo debito, andò alla segheria per pagare il carpentiere discreto ed il legno, ma ecco la sorpresa. Nessuno conosceva l’uomo e nessun documento risultava per l’acquisto del legno per la cappella. Primo mistero. 

Sulla destra, la “scala di San Giuseppe”.

Il secondo mistero

Il secondo, certamente non minore, riguarda la scala stessa. E’ un vero capolavoro composto da 36 scalini che girano in due spirali complete su se stesse di 360° esatti ma, a differenza della maggior parte delle scale a chiocciola, essa non ha nessun pilastro centrale per sostenerla: sospesa senza nessun supporto, tutto il suo peso grava sul primo scalino. 

Molti architetti, venuti a vederla, avrebbero affermato che quella scala avrebbe dovuto crollare al suolo nel momento stesso in cui la prima persona si fosse azzardata sul primo scalino. 

Un capolavoro da visitare

Eppur tuttavia essa è utilizzata quotidianamente da più di centoventi anni. Usandola, si sente una certa elasticità, che si manifesta con una leggera oscillazione, come se fosse un’enorme molla. Nel corso di questi anni, molti architetti e costruttori vengono, anche dall’estero, per visitare questo capolavoro. 

La “scala di San Giuseppe”: un caso unico

Tutti hanno ammesso che non comprendevano assolutamente come la scala sia stata costruita né come sia potuta restare in buono stato a distanza di oltre un centinaio di anni. E se a realizzarla fosse stato San Giuseppe con le sembianze di quell’anziano falegname? Suor Florian ha detto: 

“Ho parlato della scala con Urban C. Weidner, architetto della regione di Santa Fé e perito di rivestimenti in legno. Ebbene, mi ha detto di non aver mai visto una scala a chiocciola su 360° che non fosse sostenuta da un pilone centrale. Una delle cose più sorprendenti, a proposito di questa scala, secondo Weidner, è la perfezione delle curve dei montanti. Il legno è innestato sui lati dei montanti da nove spacchi di innesto sull’esterno e da sette sull’interno. La curvatura di ogni pezzo è perfetta. Come può essere stata realizzata una scala simile nel 1873, da un uomo che ha lavorato da solo, in un luogo isolato e con degli attrezzi così rudimentali?”. 

La “scala di San Giuseppe”.

Legno non messicano 

Numerosi periti del legno, inoltre, hanno tentato di individuare la sua origine, senza trovar risposte. Gli scalini, instancabilmente utilizzati da oltre un secolo, non presentano segni di usura che sul bordo. Resta il fatto che questo legno duro non viene dal Nuovo Messico. 

La Cappella è stata dedicata a San Giuseppe il 25 aprile del 1878. Non hanno mai fatto indagare la diocesi su quella presunta apparizione di San Giuseppe, nè hanno mai detto ufficialmente che la scala è stata realizzata per mano sua: eppure le buone suore sono convinte che quell’opera sia stata la risposta alla preghiera fiduciosa, da loro rivolta al glorioso Sposo della Vergine.

Tags:
apparizionisan giuseppe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni