Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconChiesa
line break icon

Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo

Sanctuary of Merciful Love

Photo courtesy of “Archivio Congregazioni Amore Misericordioso"

Bret Thoman, OFS - pubblicato il 26/02/21

Grazie e miracoli sono stati riferiti dai pellegrini che si sono bagnati nelle acque del Santuario dell'Amore Misericorioso a Collevalenza

“Non come un giudice per condannare la gente e infliggerle la Sua punizione, ma come un Padre amorevole che la perdona, che dimentica e non tiene conto delle offese commesse contro di LUI”.
Madre Speranza

I cattolici di tutto il mondo hanno familiarità con il santuario di Lourdes, e in particolare con le sue piscine note per le loro qualità guaritrici. Una breve immersione nelle acque dei Pirenei è parte integrale di qualsiasi pellegrinaggio nella cittadina francese.

Anche in Italia c’è un luogo noto per le sue acque miracolose: il Santuario dell’Amore Misericordioso di Collevalenza. Meno noto della controparte francese, è situato in Umbria, a poca distanza da Assisi.

Gli umili inizi di Madre Speranza

La storia di Collevalenza è strettamente collegata a Madre Speranza, una suora spagnola del XX secolo e mistica beatificata nel 2014.

María Josefa Alhama Valera era nata il 30 settembre 1893 a Santomera, in Spagna, prima di nove figli di due poveri agricoltori.

Quando aveva 12 anni, ebbe una visione di Santa Teresa di Lisieux, che le disse: “Bambina, sono venuta a dirti a nome del Buon Signore che dovrai iniziare da dove io ho finito”. In quel momento ricevette la missione e il messaggio che avrebbe diffuso nel mondo: quello dell’Amore Misericordioso di Dio.

A 21 anni si consacrò con le Missionarie Claretiane, ma la notte di Natale del 1930 si sentì chiamava a fondare una nuova congregazione: le Ancelle dell’Amore Misericordioso. Guidò quindi questo nuovo movimento, dedicato ad accogliere ed educare i bambini poveri e gli orfani e a prendersi cura di malati e anziani.

Nel 1936 aprì la sua prima comunità a Roma. Per i 15 anni successivi servì i poveri alla periferia della Città Eterna, soprattutto le persone colpite dalla II Guerra Mondiale. In seguito fondò una congregazione religiosa maschile.

Tra il 1936 e il 1941, Madre Speranza sperimentò quello che i suoi biografi chiamano “martirio incruento”. Venne calunniata da sacerdoti e vescovi spagnoli, e la sua guida venne contestata. Perfino alcune sue religiose la accusarono di illecito e chiesero la sua rimozione come superiora generale dell’ordine che aveva fondato.

Venne chiamata al Sant’Uffizio per difendere l’ortodossia della sua dottrina e rispondere alle accuse nei confronti del suo carattere e dei suoi carismi spirituali. Dopo tre anni il Sant’Uffizio confermò la su ortodossia, e le venne permesso di continuare a guidare il suo ordine.

La profezia di una suora del XX secolo

Nel 1951 Madre Speranza si trasferì a Collevalenza, nella diocesi di Todi, dove si sentì chiamata a costruire un santuario dedicato all’Amore Misericordioso e a promuovere i suoi insegnamenti. Il suo messaggio era: “Dio aspetta gli uomini, non come un giudice per condannarli e infliggere una punizione, ma come un Padre che li ama, li perdona, dimentica le offese ricevute e non ne tiene conto”.

Vicino al santuario, Madre Speranza profetizzò che ci fossero delle acque sotterranee, e ordinò di scavare un pozzo. Venne effettivamente scoperta una falda acquifera a 92 metri al di sotto del punto che aveva indicato.

L’acqua venne incanalata in una serie di bacini in cui i pellegrini potessero bagnarsi. Madre Speranza si riferì al messaggio dell’acqua dicendo: “La virtù di guarire i malati, i poveri che non hanno mezzi, anche con un’unica goccia d’acqua – possa quest’acqua essere la figura della Tua grazia e misericordia”.

I pellegrini che vi si sono bagnati hanno riferito molti miracoli e grazie di altro tipo.

Sulla via della canonizzazione

Madre Speranza è morta l’8 febbraio 1983 a quasi 90 anni. In base ai suoi desideri, è stata sepolta nella cripta del santuario di Collevalenza cinque giorni dopo.

Il 23 aprile 2002 è stata proclamata Venerabile. Il 31 maggio 2014, con il consenso di Papa Francesco, Madre Speranza è stata beatificata. È in corso la sua causa di canonizzazione.

Tags:
amoremisericordia di Diosantuario
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni