Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconStile di vita
line break icon

Padre Ammar Yako: “Questa basilica fa parte della nostra storia”

IRAQ

Aid to the Church in Need

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 23/02/21

Cosa significa per lei essere il responsabile della ricostruzione?

Quando il vescovo mi ha chiesto di dirigere l’équipe di ricostruzione è stato un momento molto felice per me, perché mi sono ricordato di tutte quelle persone che in passato hanno aiutato a costruire la chiesa, i nostri padri e i nostri nonni; mi sono sentito unito a tutti coloro che hanno condiviso la propria fede.

Come si è svolta la ricostruzione?

La ricostruzione è iniziata nel 2019. La prima fase dell’opera ha consistito nel sistemare i pilastri, ed è durata fino alla fine del 2019. Nel 2020 abbiamo avviato la seconda e la terza fase, ovvero la ricostruzione della chiesa all’interno e all’esterno. Grazie a Dio siamo arrivati alla fase finale della ricostruzione, e speriamo di terminarne presto tutti gli aspetti.

IRAQ
Aid to the Church in Need

Qual è stata la reazione della comunità di credenti di fronte alla ricostruzione della chiesa?

La ricostruzione della chiesa di Al-Tahira ha una grande rilevanza per la comunità di Qaraqosh. Tutte le persone di qui sentono che è la loro casa, parte della loro storia, e quindi è molto importante riaprirla.

A Qaraqosh abbiamo iniziato ad aiutare la gente a ricostruire le proprie case, anche con l’aiuto della fondazione ACS. Quando abbiamo finito, molte persone ci chiedevano quando avremmo iniziato a ricostruire la chiesa. Grazie a Dio ormai abbiamo quasi terminato.

Mi rendo conto che la gente desidera poter tornare a pregare qui e mostrare a tutti che la sua chiesa è aperta e che possiamo pregare di nuovo Dio in questo tempio.


IRAQ

Leggi anche:
Iraq: la statua della Madonna sulla chiesa di Qaraqosh è un segno di speranza

Cosa significa per lei la visita del Papa?

È splendido stare in questo momento qui a Qaraqosh per dare il benvenuto al nostro Papa. Quando hanno annunciato che il Pontefice avrebbe visitato l’Iraq e Qaraqosh, mi sono sentito molto felice di poter accogliere il Santo Padre qui, in questa chiesa, in questa città, e di condividere la nostra fede. Il Papa può aiutarci a vivere la nostra fede in questo periodo, e possiamo mostrargli com’è la nostra vita come cristiani qui, a Qaraqosh, in Iraq.

Che sfide affrontano i fedeli in Iraq?

In Iraq, i cristiani affrontano numerose sfide. In primo luogo fanno parte di questo Paese, che è ancora instabile. Al di sopra di tutto, ovviamente, dobbiamo servire Dio perché ci aiuti a portare avanti la nostra vita in Iraq. Come comunità ci troviamo di fronte a molte sfide.

Come minoranza non abbiamo grandi possibilità di lavorare, e quindi dobbiamo sforzarci di trovare un impiego per la nostra gente. Nonostante questo, il problema più grande è l’emigrazione. Molte famiglie sono ora lontane da Qaraqosh e dall’Iraq, e se la situazione non migliorerà non potranno ritornare.

Potrebbe inviare un messaggio ai benefattori di ACS?

Vorrei ringraziare ACS per tutto quello che ha fatto per noi quando eravamo sfollati. Quando siamo fuggiti da tutte le città in Kurdistan, ACS ci ha sostenuti per tre anni. Ringrazio tutti i benefattori per il loro aiuto.

Anche quando siamo tornati a Qaraqosh ci hanno aiutati a ricostruire case e chiese, e a far fronte a molte altre necessità. Molte grazie, e che Dio vi benedica. Speriamo di poter mostrare insieme al mondo la nostra fede cristiana.

Perché i benefattori di ACS non devono dimenticare la gente di Qaraqosh?

Nella situazione attuale continuiamo ad avere bisogno dell’aiuto delle organizzazioni, e soprattutto di ACS, per le numerose necessità delle chiese di Qaraqosh. Per favore, continuate ad aiutarci, e infondete così nella nostra comunità la speranza di poter continuare a vivere qui a Qaraqosh.

  • 1
  • 2
Tags:
chiesairaqisispapa francesco

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni