Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Gennaio |
San Cleopa
home iconChiesa
line break icon

Il lino di Edessa, la data, l’impronta: indagine sui misteri della Sindone

CAŁUN TURYŃSKI

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 15/12/20

Un interessante viaggio che fa crollare la tesi del falso medievale. A condurlo è la studiosa Emanuela Marinelli

I misteri della Sacra Sindone. I suoi legami con il Mandylion di Edessa, gli errori sulla datazione del lino, la sua provenienza dall’India, le anomalie sul sangue depositate sul panno, rilevato da un istituto di ricerca scientifica.

Tutte queste informazioni si trovano su “Nuova luce sulla Sindone“, libro-dossier a cura di Emanuela Marinelli (edizioni Ares). Ecco alcuni spunti che si trovano al suo interno.

I misteri del Mandylion di Edessa

Sul fronte storico il trasporto a Edessa (attuale Urfa, in Turchia) del prezioso panno con l’impronta di Cristo è stato collegato alla figura di Giuda Taddeo, l’apostolo cugino di Gesù. Clamorosa la scoperta di riferimenti a questo tessuto in fonti arabe, non solo cristiane ma anche musulmane.

Il telo, che a Edessa era descritto come un piccolo fazzoletto, appare essere in realtà la Sindone ripiegata, che viene aperta e svelata al suo arrivo a Costantinopoli, come testimoniato da fonti letterarie e iconografiche.

La smentita della datazione della Sindone

Particolari riferimenti alla Sindone sono stati trovati anche nell’interpretazione allegorica medievale della liturgia. Nel campo scientifico è emersa, grazie allo studio statistico di dati inediti, una clamorosa smentita della datazione radiocarbonica della Sindone, che aveva frettolosamente bollato la Sindone come un falso medievale.

Il lino della Sindone era un tessuto di grande valore, verosimilmente disponibile presso il tempio di Gerusalemme, di lino finissimo erano reperibili nel santuario per le necessità delle vesti dei leviti sacerdoti e per i velari del tempio.




Leggi anche:
Sindone, il vero mistero: un cadavere non può lasciare la propria immagine su un panno

Le tracce di sangue riferibili alla flagellazione

Queste preziose stoffe provenivano anche dall’India. Interessante l’identificazione, su campioni sindonici, di DNA tipico delle popolazioni dell’India, a conferma della possibile origine del lenzuolo, del suo sangue e ci presenta la sua impronta. Un percorso che diventa spirituale quando arriva alla contemplazione delle piaghe di Cristo e alla venerazione delle sue sembianze, fin sulla soglia del mistero della risurrezione.

Un altro dei misteri sulla Sacra Sindone riguarda la presenza di tracce di sangue riferibili alla flagellazione, alla coronazione di spine, alla crocifissione e alla trafittura al costato di Gesù, che è stato avvolto in questo telo circa due ore e mezza dopo la morte, in stato di rigidità cadaverica.

Impronta inspiegabile

La Sindone è un reperto unico al mondo, che sfida la scienza proprio per il mistero dell’immagine umana in essa impressa. un’immagine che commuove per la sua drammatica veridicità e accende la speranza della gloria futura.

Il corpo ha lasciato nel lenzuolo una misteriosa impronta spiegabile, in base agli esperimenti condotti dai fisici dell’ENEA di Frascati, solo ammettendo un’emissione di luce.




Leggi anche:
Tutte le caratteristiche del sangue dell’uomo avvolto nella Sindone

Triplice icona

Meditazioni sul prezioso lino, di altissimo profilo spirituale, hanno suscitato infine riflessioni profonde, che coinvolgono il senso e il destino della nostra vita. La Sindone è icona e reliquia di Cristo. Icona perché ne riporta l’immagine, reliquia perché ne ha raccolto il sangue. Può essere definita triplice icona: icona del tutto «è compiuto», icona eucaristica, icona del Cuore trafitto.

È anche il lenzuolo della risurrezione: ha avvolto per poche ore un cadavere incorrotto che vi ha stampato misteriosamente la sua immagine fotografica, spiegabile, come già detto, solo con l’energia di una potente emissione di luce.




Leggi anche:
Sindone, 3 prove scientifiche a favore della Risurrezione “attraverso” il lenzuolo

La contemplazione delle piaghe di Cristo

Il libro è un viaggio di scoperta, dunque, che arricchisce la cultura ma va oltre, come è inevitabile davanti al lenzuolo che ha avvolto il corpo di Gesù, è macchiato che diventa spirituale quando arriva alla contemplazione delle piaghe di Cristo e alla venerazione delle sue sembianze, fin sulla soglia del mistero della risurrezione.

La Sindone è un reperto unico al mondo. Che sfida la scienza proprio per il mistero dell’immagine umana in essa impressa. Un’immagine che commuove per la sua drammatica veridicità e accende la speranza della gloria futura.




Leggi anche:
«La Sindone esisteva già prima del 1300», un altro storico lo riconosce

Tags:
sacra sindone
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni