Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconNews
line break icon

Nelle mire dei musulmani il monastero cristiano millenario di Dadivank

Dadivank

© Eva Mont - shutterstock

Francisco Vêneto - pubblicato il 19/11/20

Situato nella città di Karvachar, è al centro delle tensioni tra Armeni e Azeri nel Nagorno-Karabakh

Il monastero cristiano millenario di Dadivank rischia di essere preso dai musulmani azeri. I sacerdoti armeni promettono di rimanere sul posto, mentre gli abitanti cristiani armeni sono costretti ad abbandonare la cittadina di Karvachar portando tutto con sé, perfino i corpi degli antenati, per evitare profanazioni.

La contesa militare tra Armenia e Azeirbaigian

Protetto dai militari della missione internazionale russa, il monastero di Dadivank, a Karvachar, è diventato il simbolo della tensione tra Armeni e Azeri nella disputa per il territorio del Nagorno-Karabakh. Storicamente è una regione a maggioranza armena cristiana, ma politicamente fa parte del territorio dell’Azerbaigian, Paese a maggioranza musulmana. I due Paesi sono in guerra per il controllo del territorio.

Dadivank
© Mato Z - shutterstock
La construction aurait été lancée par saint Dadi, disciple de saint Jude Thadée, apôtre qui diffusa le christianisme dans l’est de l’Arménie au Ier siècle.

Secondo la tradizione armena, il monastero di Dadivank è stata fondato nel I secolo da una discepolo di San Giuda Taddeo, evangelizzatore degli Armeni. Di fatto, l’Armenia è stato il primo Paese al mondo ad adottare il cristianesimo come religione ufficiale, prima ancora che l’Impero romano prendesse la stessa misura. I monasteri più antichi, come quello di Dadivank, sono testimone proprio di questo fatto.

Dadivank
© Sagittarius Production - shutterstock

Ora, però, la cittadina di Karvachar (o Kalbajar, nella lingua azera), viene consegnata alle forze dell’Azerbaigian in base ai termini del trattato di pace firmato giorni fa tra i Governi dei due Paesi con la mediazione di Russia e Turchia.

Nell’imminenza della consegna del territorio storicamente disputato da Azeri e Armeni, la popolazione armena si è vista costretta a una fuga di massa, portando con sé tutto quello che poteva. Gli Armeni stanno dando alle fiamme le proprie abitazioni perché nulla di ciò che è cristiano cada nelle mani dei musulmani azeri. Chi fugge arriva ad aprire le tombe per trasferire il corpo dei propri cari, temendo che i cimiteri cristiani vengano profanati dagli Azeri.

Profanazioni di questo tipo non sarebbero una novità, visto che l’Azerbaigian nella storia ha spesso distrutto i monumenti armeni nel suo territorio. È stato il caso, ad esempio, dei cimiteri di Julfa, a Nakichevan, e di Sabunchi, a Baku, entrambi distrutti dalla popolazione musulmana locale con l’avallo delle autorità azere.




Leggi anche:
Armenia culla della cristianità

Il monastero di Dadivank

Tra i tesori cristiani che non possono essere portati via da Karvachar c’è il monastero di Dadivank.

La sua esistenza è una prova del fatto che gli Armeni son presenti sul territorio da più di un millennio. L’Azerbaigian sostiene però che la cittadina è stata occupata dagli Armeni dopo che questi avevano espulso la popolazione azera.

Quando i Governi hanno diffuso la notizia per la quale la cittadina sarebbe stata consegnata all’Azerbaigian, i monaci hanno cominciato a ritirare le campane dal monastero e a pianificare la rimozione dei “kachkar”, grandi croci tradizionali armene, scolpite nella pietra, ornate e collocate davanti alle chiese e ai luoghi importanti per la popolazione. L’abate ha affermato che non avrebbe abbandonato il luogo e di essere disposto a morire per difenderlo.

David Galstyan / Spoutnik / Spoutnik via AFP

Le autorità armene sono riuscite a far sì che il monastero venisse protetto dalle forze russe, che daranno al luogo una sicurezza provvisoria, ma il futuro resta incerto. La permanenza russa prevista dall’accordo di pace è inizialmente di cinque anni.

Ad ogni modo, il fatto è che la popolazione armena sarà privata per un periodo di tempo indefinito della possibilità di sentire i rintocchi millenari delle campane di Dadivank.

Tags:
armeniamonastero
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni