Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 29 Novembre |
San Vincenzo Romano
Aleteia logo
Approfondimenti
separateurCreated with Sketch.

Cimiteri “a impatto zero” e “compostaggio salme”? Ecco l’ecologismo misantropico

CEMETERY

LI-HSI HO | Shutterstock

Christine Mansilla - pubblicato il 06/11/20

L’urgenza ecologica si estende dappertutto, fin dentro alla morte dell’uomo, che diventa un altro fatto da tenere in considerazione. Col rischio di dimenticarne la peculiare dignità.

Sébastien sta morendo. Nelle sue ultime volontà esprime il desiderio di essere sepolto con «il minore impatto negativo possibile per l’ambiente, per rispettare la vita». Egli desidera «morendo, di rigenerare la vita». A Niort, il nuovo cimitero di Souché si propone come ecologico: ha abolito fiori artificiali, pietre tombali in marmo e loculi in cemento. In questo cimitero, che si propone come esemplare, tutto è ripensato «per ridurre al massimo l’impatto ecologico dell’inumazione», come sottolinea il comune. Fino nella morte, la decarbonizzazione diventa un fattore di cittadinanza.


boy smiling

Leggi anche:
Per tutelare davvero l’ambiente dobbiamo onorare l’uomo

Sébastien, però, vorrebbe andare più in là e ricorrere all’“humificazione”: vuole fare «dono del [suo] corpo alla terra» ricorrendo a una sorta di “compostaggio umano”. A oggi la pratica è vietata in Francia, mentre è legale negli Stati Uniti. Lo Stato di Washington è diventato il primo ad autorizzare questo tipo di “sepoltura”: una pratica che – con le parole di Philip Olson, professore alla Virginia Tech e specialista di pratiche funerarie – considera il corpo «un prodotto ecologico, un nutrimento, una risorsa».

Un’ecologia inumana?

L’uomo può ridursi a così poco? Un prodotto non-sempre-bio perché talvolta proveniente dall’industria della procreazione, un portatore di carbonio di cui minimizzare l’impatto per il bene del pianeta, una tappa nel ciclo della vita? Oppure occupa un posto a parte tra gli esseri viventi? Un posto che gli conferisce la sua dignità, ma anche la sua immensa responsabilità nei confronti della natura? Aristotele, che conferiva a tutto ciò che vive un principio di animazione, parlava di gerarchia delle specie: parole che oggi farebbero scalpore. Quando il cambiamento climatico ispira una (molto legittima) preoccupazione, e in un contesto di crisi sanitaria internazionale in cui l’animale e l’uomo sono entrambi coinvolti, è ora di prendere coscienza che la protezione della natura non si fa senza l’uomo. Né contro di lui.


TUCANO, BIRD, JUNGLE

Leggi anche:
Per quelli che: «Ce lo meritiamo, il pianeta sta meglio senza l’uomo»

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
cimiteriecologiaecologia integraleecologia umana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni