Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
News

Altare profanato da sacerdote in atto osceno bruciato in segno di riparazione

Igreja em Pearl River tem altar profanado

Paróquia de São Pedro e São Paulo / Arquidiocese de Nova Orleans, EUA (Reprodução Redes Sociais)

Francisco Vêneto - pubblicato il 15/10/20

L'arcivescovo ha descritto la profanazione dell'altare come demoniaca

Altare profanato in un atto sessuale realizzato e filmato da un sacerdote: la scorsa settimana questa scena surreale ha scioccato e rattristato i cattolici di tutto il mondo.

E non basta. Al di là della grave infedeltà da parte del sacerdote nei confronti della sua consacrazione, l’atto rappresenta un doloroso sacrilegio. Almeno non ci sono vittime come in un caso di abuso sessuale, ma l’altare è comunque consacrato per accogliere la Presenza Reale di Cristo nella Santissima Eucaristia, e la sua profanazione è quindi particolarmente penosa per ogni fedele cattolico.

La Polizia di New Orleans (Stati Uniti) ha arrestato Travis Clark, 37 anni, con l’accusa di atti osceni in luogo pubblico. Una finestra della chiesa permette infatti di vedere il presbiterio dalla strada. Il luogo, inoltre, era sacro. Il sacerdote ha profanato l’altare della chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Pearl River, in Louisiana, dove era parroco.

Il presbitero è stato colto in flagrante mentre realizzava e filmava l’atto osceno sull’altare in compagnia di due donne, Mindy Dixon, di 41 anni, e Melissa Cheng, di 23. In base a informazioni diffuse dalla Polizia, hanno installato un’illuminazione professionale per realizzare filmati sul presbiterio, il che dimostra la premeditazione della profanazione.




Leggi anche:
Che misure si dovrebbero prendere di fronte alla profanazione delle chiese?

Mindy Dixon, del resto, è un’attrice pornografica. Secondo i media statunitensi, un giorno prima dell’arresto ha scritto sulle reti sociali che stava andando a New Orleans “per profanare una casa di Dio”.

La Polizia non ha indagato il sacerdote per abuso sessuale perché tra le persone coinvolte c’è stato libero consenso. La procura, però, ha accettato l’accusa di oscenità contro di lui e contro le due donne, visto che l’atto sacrilego era visibile a vicini e passanti.

Profanazione demoniaca

L’arcidiocesi di New Orleans ha immediatamente destituito il sacerdote dal ministero.

Il Codice di Diritto Canonico stabilisce al canone 1376 che la profanazione di un altare deve ricevere una giusta punizione. Nel caso del sacrilegio commesso dal presbitero, la pena dovrà essere piuttosto severa.

Monsignor Gregory Aymond, arcivescovo di New Orleans, ha descritto l’atto del sacerdote come “demoniaco”, e ha aggiunto che quel sacerdote non tornerà mai più al ministero cattolico.

“Il comportamento osceno di Travis Clark è stato deplorevole. La profanazione dell’altare in chiesa è stata demoniaca. Sono furioso per quello che ha fatto. Quando verranno chiariti i dettagli ritireremo quell’altare e lo bruceremo. Consacrerò un nuovo altare”.

Monsignor Aymond ha anche realizzato una liturgia penitenziale di riparazione, e ha chiesto preghiere per i parrocchiani e per la comunità scolastica che venivano assistite dal sacerdote sacrilego.

Quanto all’altare, l’arcidiocesi ha confermato in seguito che è già stato bruciato in segno di riparazione per il sacrilegio.




Leggi anche:
Il piccolo chierichetto che a soli 7 anni ha salvato le ostie dalla profanazione

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
altareprofanazionesacerdotestati uniti
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni