Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Che misure si dovrebbero prendere di fronte alla profanazione delle chiese?

L'Eglise dans les Pays de l'Ain
Condividi

Guida per diocesi e parrocchie

Molte diocesi del mondo e comunità religiose stanno attuando consistenti miglioramenti nel protocollo relativo a cosa fare di fronte al sacrilegio e alla profanazione dei loro ambienti sacri.

Ecco una serie di punti che non vogliono essere che un inizio o una continuazione per tutte loro, che li dovranno discutere, migliorare, sviluppare e applicare alle circostanze concrete relative a ogni luogo e ambito religioso.

1. Le chiese e gli altri ambienti sacri non devono essere luoghi in cui sia facile operare furti, vandalismo e profanazione, e men che meno sembrare di esserlo. Attenzione alle zone isolate e poco illuminate, agli accessi facili e nascosti alla vista. Bisogna ostacolare l’ingresso a porte, finestre e qualsiasi altra via d’accesso.

2. Non bisogna cadere mai nell’estremo contrario di trasformare in una quasi-fortezza i luoghi sacri o barricare ogni porta, anche se in ogni caso bisognerà distinguere le azioni più adeguate da intraprendere.

3. Mantenere un controllo adeguato delle chiavi di accesso e di chi le possiede.

4. Non dimenticare mai che anche se nel luogo sacro possono esserci a volte oggetti di grande valore storico o cultuale, la cosa più importante è il Corpo di Cristo nelle Forme Sacre. Il resto è del tutto secondario.

profanation pau 2
P. Dufau

5. Si deve disporre di un piccolo rapporto o documento che tratti del livello di rischio del luogo e indichi quali oggetti sono preziosi o almeno quali possono suscitare l’avidità di ladri e profanatori. In questo contesto si inserisce anche l’inventario degli oggetti d’arte che già alcuni Paesi attraverso i loro Ministeri della Cultura o simili chiedono a ogni diocesi, Conferenza Episcopale e comunità religiosa. Questo rapporto deve determinare i punti più facili e più difficili di accesso al tempio o luogo sacro, conoscendo i punti deboli di ogni luogo. Un elenco di fotografie e dati generali di ciascun oggetto è molto utile in caso di furto e recupero.

6. In riferimento alla sicurezza dei beni artistici e storici di grande valore, non difficili da sottrarre, a volte e per via dell’alto significato dei pezzi bisogna riflettere sulle azioni migliori da intraprendere, compreso il trasferimento in un museo, tema spesso non semplice.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni