Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 19 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconFor Her
line break icon

Dovevo servire la colazione ai senzatetto invece gli ho suonato Bach

xzgorik | Shutterstock

Chiara Bertoglio - pubblicato il 30/09/20

Forse anche suonare Bach è utile almeno quanto offrire un tè caldo.

Fa di nuovo un gran freddo, dopo un po’ di giorni di afa estiva. La sveglia suona presto, troppo presto. Ho appuntamento alle sei e mezza di mattina con i “miei” ragazzi. Sono un gruppettino di adolescenti che hanno deciso di continuare la loro formazione dopo la Cresima; e devo dire che mi danno tanta gioia, perché sono pieni di entusiasmo e di voglia di mettersi in gioco, soprattutto con le persone meno fortunate. Oggi andremo a fare un servizio per la colazione delle persone senza fissa dimora. Sotto la pioggia, il sabato mattina presto, ci si raduna e si parte.

All’ingresso della struttura in cui andiamo a prestare servizio c’è un piccolo locale, dove si accolgono le persone che vengono per la colazione. Accanto alla scrivania, una tastiera elettronica piuttosto spartana: tre ottave e spiccioli, un suono da cellulare anni novanta. La mia amica suora, violinista nella sua “vita precedente”, mi mostra questo strumento spettacolare e mi invita a provarlo. Lo accendo, faccio due note per buona educazione, e poi mi accingo a fare qualcosa di “più utile”. “No”, dice suor C., “suona, dai…”. E così, inaspettatamente, mi accingo a tenere un improvvisato concerto di più di un’ora e mezza su una tastiera da tre ottave.


young girl play piano

Leggi anche:
Il saggio di musica dei “miei” ragazzi in una casa di riposo per anziani poveri

Inizia la triste sfilata di chi deve chiedere la colazione gratis perché altrimenti la salterebbe. Uomini, per lo più; abbastanza giovani, in genere; italiani e stranieri, in modo molto “democratico”. Quasi tutti si fermano. Il mio improvvisato programma è composto quasi solo da Bach – l’unico che possa suonare senza eccessivi adattamenti su una tastiera così piccola. Bach il difficile, Bach quello per palati fini. Bach che a me piace Chopin perché mi fa sognare ma Bach è quello che è troppo cerebrale.
E questi fratelli e sorelle dalla pelle color cioccolato o caffelatte, questi fratelli e sorelle che vengono a chiedere il cioccolato e il caffelatte… si fermano, sorridono, si incantano. Qualcuno resta lì lunghi minuti a sentirmi. Sorrido anch’io.

Forse anche suonare Bach è utile almeno quanto offrire un tè caldo.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA CHIARA BERTOGLIO

Tags:
johann sebastian bachsenzatetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni