Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Chiesa

Gesù svela la morte che molto spesso ci portiamo dentro

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 26/08/20

...e che rende infelice anche gli altri

Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all’esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. Così anche voi apparite giusti all’esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d’ipocrisia e d’iniquità.
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che innalzate i sepolcri ai profeti e adornate le tombe dei giusti, e dite: Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non ci saremmo associati a loro per versare il sangue dei profeti; e così testimoniate, contro voi stessi, di essere figli degli uccisori dei profeti. Ebbene, colmate la misura dei vostri padri!

Matteo 23,27-32

Il tema portante del Vangelo di oggi sembra essere quello della morte. Ma Gesù non vuole usare parole per introdurci nell’esperienza della morte, ma per rivelare la morte che molto spesso ci portiamo dentro: “Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all’esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. Così anche voi apparite giusti all’esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d’ipocrisia e d’iniquità”. Se per un istante prendessimo distanza dal normale fastidio che ci procura un complimento simile, ci accorgeremmo che in fondo Gesù sta dicendo una verità di cui facciamo spesso esperienza. Infatti delle volte tutta la nostra vita procede esternamente bene, secondo le migliori aspettative, ma dentro coviamo rabbia, rancori, risentimenti, insoddisfazioni che molto spesso condizionano completamente tutta la nostra vita. Chi si porta il marciume interiore dell’infelicità, alla fine rende infelice anche la vita degli altri. E se non è attaccabile sul piano formale, in fondo però dovremmo dire che solo un infelice può comportarsi in maniera così brutta. È la bruttura di non riuscire mai a godere del bene degli altri. È la bruttura di cospirare sempre sulla miseria altrui. È la bruttura di non riuscire mai a godere le cose perché sempre intenti a macchinare tranelli. I morti dentro fanno stare male i vivi che incontrano. “Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che innalzate i sepolcri ai profeti e adornate le tombe dei giusti, e dite: Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non ci saremmo associati a loro per versare il sangue dei profeti”. Il tema della morte prosegue con la grande retorica del “in memoria di”. Gesù smaschera quel brutto vizio che continuiamo ad avere in ogni tempo e in ogni epoca, di elogiare i profeti solo quando sono morti, e di perseguitarli invece quando sono vivi. Un esame di coscienza sul presente ci sarebbe d’aiuto, e ci farebbe accorgere che noi possiamo ripetere le stesse tragedie.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
vangelo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni