Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

4 santi molto famosi a cui è cambiata la vita grazie agli angeli

ANGELS
Condividi

Da San Francesco a San Tommaso, da Santa Cristiana a Santa Francesca Romana: le visioni degli spiriti celesti hanno trasmesso sofferenza e capacità di convertire i cuori più duri

Il mondo dei Santi e quello angelico si intrecciano in continuazione. Nei primi secoli del cristianesimo, i primi Santi riconosciuti sono i martiri che versano il loro rosso sangue per testimoniare fedeltà a Cristo e Dio sostiene i Suoi eroi e invia i Suoi Angeli a sostenerli nella prova della persecuzione.

Non solo: gli Angeli aiutano i Santi a diffondere la parola del Cristo, infondendo loro una straordinaria capacità di convincere e convertire alla fede cristiana persino i pagani più dotti e irriducibili.

1) San Francesco e il Serafino

San Francesco d’Assisi nasce verso il 1182, e dopo una gioventù libertina, si converte alla fede e riceve addirittura da Dio le Stigmate. Il suo biografo, San Bonaventura da Bagnoregio, così descrive questo episodio cruciale della vita del Santo di Assisi:

“Una mattina, verso la festa dell’Esaltazione della Croce, mentre pregava in un luogo appartato del monte, vide scendere dal cielo un Serafino con sei ali infuocate e risplendenti. Quando questi, con volo rapidissimo, giunse nell’area vicino al luogo dov’era l’uomo di Dio, tra le ali apparve l’immagine di un uomo crocifisso…Delle ali, due si alzavano sul capo, due si aprivano al volo e due ricoprivano tutto il corpo”.

FRANCIS
Public-Domain
San Francesco d'Assisi.

“Nel suo cuore un misto di tristezza e gaudio”

A questa vista, il Santo rimase stupefatto, “mentre il suo cuore – prosegue Bonaventura – fu preso da un sentimento misto di tristezza e di gaudio. Si rallegrava, infatti, dello sguardo pieno di grazie col quale si vedeva guardato da Cristo apparsogli sotto l’immagine di un Serafino; ma, a vederlo crocifisso, l’anima sua si sentiva trapassata dalla spada d’una dolorosa compassione. Era sommamente meravigliato per questa visione che gli sembrava incomprensibile, sapendo bene che il dolore della passione non si concilia in alcun modo con la beatitudine di un Serafino“.

“Visione offerta ai suoi occhi dalla Provvidenza Divina”

Alla fine, però, “il Signore gli fece comprendere che tale visione era stata offerta ai suoi occhi dalla Provvidenza Divina, affinché questo amico di Gesù Cristo fosse preavvertito che sarebbe stato totalmente trasformato per assomigliare a Cristo crocifisso, e non con il martirio della carne ma con incendio amoroso del suo spirito. Quando la visione scomparve, lasciò nel cuore di Francesco un meraviglioso fervore, ma anche nella carne di lui, erano rimasti impressi i segni non meno meravigliosi della passione di Cristo. Subito, infatti, cominciarono ad al apparire nelle mani e nei piedi di lui i segni dei chiodi, come poco prima l’immagine dell’uomo crocifisso”. 

San Francesco venera amorosamente gli Angeli e dice che devono essere invocati dovunque come compagni, e non meno invocati come custodi.

2) Santa Cristiana e i colloqui con Gesù

Santa Cristiana, che nasce verso l’anno 1240 nel castello di Santa Croce sull’Arno (Pisa):  giunta all’età di matrimonio, i fratelli le propongono dei partiti, ma lei rifiuta avendo già scelto il suo sposo: Gesù Cristo. In famiglia iniziano i litigi ed ella decide di andare a Lucca come domestica. Nelle sue intense preghiere riesce ad avere colloqui con Gesù Crocifisso ma il Demonio inizia a tentarla: Santa Cristiana invoca la protezione di San Michele che le appare e incatena Satana in modo che non la molesti più.

Rime

Santa Cristiana, per ringraziare il Principe celeste, intraprende con delle amiche un pellegrinaggio sul Gargano: giunta in prossimità del promontorio del Gargano, viene importunata da uomini malvagi: San Michele, vestito da Diacono, la salva e la conduce al Monte Sant’Angelo. Santa Cristiana vola al cielo il 4 gennaio 1310.

3) San Tommaso d’Aquino e i due angeli

Anche un grande della Chiesa, San Tommaso d’Aquino, ha un rapporto speciale con gli Angeli, il massimo genio di tutti i tempi della teologia cattolica è talmente affascinato dal mondo angelico che i posteri lo definiranno ‘Doctor Angelicus’ Le attività degli Angeli sono infatti uno degli oggetti preferiti della contemplazione di San Tommaso d’Aquino (1225-1274).

ŚWIĘTY TOMASZ Z AKWINU
Wikipedia | Domena publiczna
San Tommaso d'Aquino.

Di lui viene tramandato un episodio che val la pena di ricordare: una donna perfida cerca di far crollare il suo voto di castità, San Tommaso chiede aiuto a Dio perché lo preservi, poi nel sonno vede due Angeli che gli stringono le reni con una cintura dicendogli che la sua preghiera è stata esaudita: il dolore che percepisce in quel momento è così vivo che emette grandi urla di sofferenza.

4) Santa Francesca Romana e la caduta nel Tevere

Santa Francesca Romana (1384-1440), la Santa più conosciuta e amata dai romani. Bella e intelligente, nata in una famiglia ricca, Francesca vorrebbe essere la sposa di Cristo, ma per obbedire al padre acconsente al matrimonio con un patrizio romano, e diventa madre e sposa esemplare. Per tutta la vita riesce a conciliare le cure familiari con la tensione mistica e spirituale: rimasta vedova, si dedica completamente alla vocazione religiosa. Francesca Romana è fondatrice delle Oblate di Maria, tuttora presenti nel monastero di Tor de’ Specchi, a pochi passi dal Teatro di Marcello a Roma.

SAINT FRANCESCA
Wikipedia
Santa Francesca Romana

Tutta la vita di questa Santa è accompagnata da figure angeliche, in particolare da un Angelo che Francesca sente e vede accanto e sé. Il primo intervento dell’Angelo è del 1399: l’Angelo svolge funzioni di “bagnino” salvando Francesca e sua cognata Vannuzza che sono cadute in Tevere. L’Angelo di Francesca si presenta sotto forma di bambino di dieci anni, con i capelli lunghi, gli occhi splendenti, vestito di una tunica bianca: l’Angelo è custode e guida di Francesca, ma se occorre è anche castigatore. Resta con lei per 24 anni, poi viene sostituito da un altro di gerarchia superiore, “assai più risplendente del primo”, che resta con lei fino alla morte.

Gli affreschi del Quattrocento, opera della scuola di Antoniazzo Romano, che ornano la cappellina del monastero e che a più riprese mostrano la Santa in compagnia dell’Angelo, testimoniano di questa soprannaturale presenza accanto a Francesca, amatissima dal popolo di Roma per la straordinaria carità e le miracolose guarigioni che compie.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni