Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconChiesa
line break icon

Perché i santi stigmatizzati sono molto pochi?

Rosino | CC BY-SA 2.0

Arcidiocesi di San Paolo - pubblicato il 15/11/18

Breve spiegazione di come la Chiesa intende le stigmate

Padre Cido Pereira ha una rubrica sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo, in cui risponde a varie domande inviate dai lettori. Questa settimana ha parlato di uno dei segni visibili più straordinari che Dio concede: le stigmate della Passione di Cristo.

Ecco il testo pubblicato dal sacerdote nella sua rubrica:

Ivonete, di Vila Diva, chiede come la Chiesa valuta e spiega le stigmate.

Cara Ivonete, parlando di “stigmate” intendiamo le piaghe che ricordano quelle di Cristo, che molti santi e sante hanno portato al costato, sulle mani e sui piedi. Queste piaghe comportano una grande sofferenza fisica e morale e resistono alle cure mediche. Ricordano tutto ciò che Gesù ha passato nella sua Passione.

A quanto sembra, San Francesco d’Assisi è stato il primo santo stigmatizzato. Santa Rita da Cascia aveva una ferita sulla fronte, provocata da una spina che si sarebbe staccata dalla corona di Cristo crocifisso, davanti al quale pregava. Più di recente, c’è il caso di San Pio da Pietrelcina.

C’è chi spiega e classifica le stigmate come una somatizzazione, come fenomeni psicologici di isteria. Attenta com’è sempre di fronte al fenomeno, non tanto raro quanto si crede, la Chiesa studia profondamente la vita cristiana, il pensiero e l’insegnamento degli stigmatizzati prima di considerarli un fenomeno religioso.

È l’insieme dell’operato, della santità di vita, della comunione profonda con Dio ed eventualmente le stigmate a spiegare la santità di vita. Ecco perché i santi stigmatizzati sono molto pochi.

Tags:
santi e beatistigmate
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni