Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconSpiritualità
line break icon

Dio si irrita quando mi comporto male?

GOD THE FATHER

Cima da Conegliano | Public Domain

padre Carlos Padilla - pubblicato il 24/06/20

Com'è possibile che un Dio onnipotente guardi con compiacenza un figlio che si è allontanato e si è perduto facendo il male e sprecando la sua vita?

Spesso arrivo a pensare che il peccato sia molto più potente della grazia. È come quella macchia d’olio che si estende lentamente rovinando i miei vestiti, le mie cose, la mia vita. Una macchia d’olio che contamina tutto.

Forse per questo mi spaventa peccare, cadere, cedere. Sento che con quel peccato piccolo o grande che mi danneggia mi allontano da Dio.

Sento di aver gettato via tutti i miei sforzi di rettitudine, e allora dubito della misericordia di quel Dio che mi dice che è sempre disposto ad abbracciarmi, qualunque cosa faccia.

Ma io non sono così, e mi costa proiettare fuori di me un Dio così diverso. Com’è possibile che un Dio onnipotente guardi con compiacenza un figlio che si è allontanato e si è perduto facendo il male e sprecando la sua vita?

Credo che ogni volta che pecco, per omissione o azione, quel Dio onnipotente mi guardi con una certa reticenza, disposto a esigere la mia conversione.

Non riesco a controllare la paura che ho nel presentare a quel Dio tutte le mie azioni fallite, i miei errori, le mie negligenze.

La Bibbia, però, dice che la grazia sovrabbonda rispetto al peccato. Il peccato di molti uomini non vale nulla di fronte alla misericordia e alla grazia di un unico uomo, Dio e uomo. Mi è chiaro quello che Gesù ha detto quando ha chiamato Matteo il pubblicano:

“Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Ora andate e imparate che cosa significhi: “Voglio misericordia e non sacrificio”; poiché io non sono venuto a chiamare dei giusti, ma dei peccatori”.

Gesù mi chiede di credere molto più nel potere infinito e guaritore della sua misericordia che nella forza distruttiva del mio peccato. Commenta Juan Antonio Pagola parlando della misericordia di Gesù:

“L’abitudine di Gesù di sedersi a mangiare con loro. Il suo modo di agire. Scandalizza. Sedersi a tavola è il gesto più forte del profeta della misericordia. Come senza chiedere una penitenza. Non mantiene le distanze. È amico dei peccatori. Non si avvicina come maestro della legge. Offre amicizia e comunione”.

Desidero credere che il suo amore sia più forte e il suo perdono sia più grande. Che sia il profeta della misericordia che vuole sedersi con me.

Spesso, però, mi vedo a cercare di ripulire con un panno qualsiasi macchia nella mia condotta. Per paura del rifiuto di quel Dio misericordioso in cui dico di credere con tanta forza.

AJR_Photo

Oggi voglio pensare che sia Gesù che apre il suo costato per donarmi una forza invincibile, un’acqua pura che purifica tutto. Una grazia che diventa più potente di qualsiasi mio peccato.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diomisericordiaperdono
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni