Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 29 Gennaio |
Sant'Afraate
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Eduardo Verástegui si confessa su Giovanni Paolo II e sull’essere pro-vita

EDUARDO VERASTEGUI

fot. archiwum prywatne

Iwona Flisikowska - pubblicato il 16/06/20

L'attore, musicista e regista parla con Aleteia

Aleteia ha parlato con l’attore Eduardo Verástegui, che ha colto l’occasione della pandemia di coronavirus per esortare il mondo a recitare insieme il Rosario.

Un milione di persone che recita il Rosario: un’impresa incredibile e una splendida ispirazione. Come ha deciso di intraprendere questa sfida con i suoi amici sulle reti sociali, da vari luoghi del mondo, in varie culture e lingue?

Credo che possiamo creare unità anche senza parlare la stessa lingua: ci comprendiamo a vicvenda perché preghiamo. È una forma di riconciliazione del mondo che va al di là dei confini, delle culture e delle lingue di Nazioni diverse. Siamo una famiglia, e siamo complementari.

La pandemia ci ha fatto chiudere in casa. Per me è stato molto difficile perché non sapevo cosa sarebbe successo. Ero abituato a viaggiare continuamente, e il lockdown significava che qualcuno mi tarpava le ali. È così che mi sono sentito nelle prime due settimane. Ho pensato al fatto che i miei genitori si trovassero nella nostra casa di famiglia da un’altra parte, i miei fratelli negli Stati Uniti e io a casa mia. Alla fine mi sono reso conto che dovevo ringraziare Dio per il fatto di avere un posto in cui vivere e i mezzi per farlo, ed è stato splendido.

EDUARDO VERASTEGUI
fot. archiwum prywatne

Non riuscivo a pensare solo a me stesso, ma anche agli altri che come me erano chiusi in casa, ma non avevano mezzi finanziari o carte di credito. Si tratta di famiglie povere, spesso numerose, che vivono alla giornata. Non hanno Internet o accesso alle reti sociali, e allora ho pensato che dovevo fare qualcosa per aiutare quelle famiglie in una situazione difficile. Attraverso un movimento chiamato Viva México ho contattato la Caritas per unire le forze e aiutarle.

Abbiamo creato un movimento chiamato Dona Despensas (“Dona Ceste di Cibo”). Prepariamo ceste con prodotti alimentari per i poveri, e siamo riusciti a preparare già 60.000 pacchi per le famiglie più bisognose. Ma per me non era sufficiente. Sentivo di dover fare di più. Mi sono creato un programma giornaliero durante la pandemia: ore di lavoro, studio ed esercizio fisico, e anche tempo per la preghiera. Ma ero a casa da solo tutto il giorno. So che l’uomo non è mai solo, e sono consapevole del fatto che Dio è sempre con me, ma umanamente parlando ero solo.

E allora ho pensato che potevo usare le reti socali per pregare insieme. Perché no? Non volevo più pregare da solo. Volevo collegarmi ad altre persone. Prima di domenica 22 marzo ho scritto spontaneamente che potevamo pregare insieme per la vita. Ho pensato che magari qualcuno avrebbe potuto essere interessato, forse cento persone, o magari avrei pregato da solo su Internet. Sono rimasto molto sorpreso dal vedere che 10.000 persone si sono unite a me nella mia iniziativa di preghiera.

Sono rimasto piacevolmente sorpreso, perché il Rosario è una preghiera lunga, e quando viene trasmessa su Internet dura quasi un’ora. Ho detto a tutti “Se lo abbiamo fatto una domenica recitiamolo anche di lunedì”. E così abbiamo fatto, lunedì, martedì, continuando ogni giorno. Man mano che si avvicinava il 13 maggio [festa di Nostra Signora di Fatima, n.d.t.], ho detto alla gente che avevamo davanti una nuova sfida, pregare in modo particolare quel giorno. Ho pensato che si sarebbero unite 50.000 persone, ma alla fine sono state più di 200.000. È stato il “Rosario di Fatima”!

Per me è stato un miracolo che si siano unite tante persone. Il giorno successivo, dopo il 13 maggio, ero così commosso che ho affermato sulle reti sociali che avremmo dovuto prepararci per un’altra sfida: un milione di persone per il 31 maggio, celebrazione della Pentecoste.

Abbiamo da poco celebrato il centenario della nascita di San Giovanni Paolo II. Ha avuto l’opportunità di incontrarlo?

Sì, e ringrazio veramente Dio per questo. È stato un incontro stupendo: è stato lì che è iniziato il mio nuovo stile di vita, in cui ho scoperto la mia nuova missione. Posso dire che la mia vita sia cambiata quando ho incontrato Giovanni Paolo II: ho ricevuto un rosario dalle sue mani e ho chiesto la sua benedizione. Il Papa mi ha detto di realizzare film in difesa della vita e mi ha ascoltato, mi ha benedetto e mi ha fatto una croce sulla fronte. Qualche mese dopo è morto. L’incontro ha avuto luogo nell’Aula Paolo VI nel novembre 2004, e lui è morto nell’aprile 2005.

Per me è non solo un santo, ma anche un uomo che ha avuto le sue passioni. C’è stato un periodo in cui era un attore come me, e quindi lo apprezzo ancor di più e mi sento ancor più legato a lui. Usava l’arte per mostrare i veri valori e combattere contro il male – il comunismo, ad esempio. Credo che l’arte, come il cinema, influenzi molto la società, e possa quindi diventare uno strumento per il combattimento spirituale. In questo senso, l’arte può aiutare a trasformare il mondo.

EDUARDO VERASTEGUI
fot. archiwum prywatne

La vita e l’esempio di Giovanni Paolo II continuano ad essere una grande fonte di ispirazione per me. Ha dedicato parte della sua vita ad aiutare e a salvare il suo Paese, la Polonia; anch’io voglio lottare spiritualmente per il mio Paese, il Messico. Voglio ispirare altri ad amare di più, a vivere con amore e con fede, e così a cambiare il mondo. Giovanni Paolo II – come sacerdote, e in seguito come vescovo e Papa – ha avuto un forte impatto sulla società. Ha lasciato un segno nella nostra storia. Attraverso i suoi incontri con i giovani, come la Giornata Mondiale della Gioventù, ha cambiato il mondo. Devo anche ammettere che ammiro come ha vissuto la sua vecchiaia, quando era già molto stanco e malato; nonostante tutte le difficoltà, ha avuto una forza spirituale e un intelletto straordinari. Per me è un esempio da seguire.

Che ricordi avete lei e la sua famiglia del primo pellegrinaggio storico di Giovanni Paolo II in Messico?

Non solo la mia famiglia, chiunque ricorda quel pellegrinaggio. Giovanni Paolo II non è stato solo un Papa ammirato da tutto il mondo; qui in Messico lo abbiamo accolto come una persona molto vicina – noi Messicani lo abbiamo trattato come un Messicano. Durante i suoi pellegrinaggi, il Papa ha detto che il Messico è sempre fedele. Il Santo Padre nutriva una devozione e un amore speciale per Nostra Signora di Guadalupe. È stato lui che, più di 500 anni dopo le apparizioni, ha canonizzato Juan Diego, il cui nome indigeno significa “aquila messaggera”. È per questo che San Giovanni Paolo II è molto amato e riconosciuto come un amico in Messico. Sono convinto che anche ora che è un santo in cielo interceda per noi e si unisca a tutti noi quando recitiamo il Rosario.

Di recente ha composto una canzone intitolata Quiero vivir (Voglio vivere). Cosa l’ha ispirata a scriverla?

Ho immaginato come canterebbero i bambini nel grembo materno se avessero una voce. Cosa direbbero ai genitori? Pensando a questo è nata la canzone Quiero vivir: mettiamo tutte le nostre capacità, le nostre voci sulla bocca di quei bambini che non possono ancora cantare. Credo anche che sia una missione che Dio mi ha affidato: usare i miei talenti e le mie capacità per lottare in difesa della vita, soprattutto dei bambini non nati, quei piccoli indifesi, perché non hanno una voce e non possono difendersi, ma hanno il diritto di vivere.

Essere pro-vita implica altro; significa anche difendere i bambini che non hanno da mangiare, quelli che vengono rapiti, venduti e abusati sessualmente. Il traffico di esseri umani è un grande problema, e dobbiamo fare tutto il possibile per fermare questo crimine. È difficile da credere, ma milioni di bambini vengono abusati e venduti. Essere pro-vita significa proteggere la vita e la dignità di ogni bambino e sostenere i giovani che ne hanno bisogno sono dipendenti dalle droghe o dall’alcool. Dobbiamo fare qualcosa per loro: per me, tutto questo è parte del fatto di essere pro-vita.

[Significa] difendere chi è stato condannato o incarcerato ingiustamente e non ha i mezzi economici per difendersi, per prendersi un avvocato. Essere pro-vita significa anche aiutare gli anziani. Ci sono molti programmi che mettono i giovani in contatto con gli anziani. Nelle case di riposo ci sono molte persone sole e abbandonate che non ricevono visite, neanche dai familiari. Creiamo programmi per far sì che i giovani stiano con gli anziani. Anche tutte queste attività sono pro-vita. Essere pro-vita significa sostenere la vita dal concepimento alla morte naturale. Per me è una missione splendida e unica.

Se ogni madre avesse un grembo come di vetro e potesse vedere il suo bambino prima della nascita, nessuna abortirebbe. Tutto ciò che ho detto è molto importante per me, è per questo che il mio film Bella e i cortometraggi che giro parlano di questo. Il film Unplanned è riuscito a riunire vari tipi di persone coinvolte in attività pro-vita – artisti, politici… – in difesa della vita. Lo scorso anno abbiamo promosso Unplanned per mesi. Abbiamo viaggiato nei 32 Stati messicani con questo film. È lì che è nata l’idea della canzone Quiero vivir.

Lei è un attore, musicista e regista. Si sente un “guerriero” che lotta per un buona causa in cui crede?

Se Dio ti dà la possibilità e la prospettiva della vita soprannaturale dopo che hai sprecato molti anni di vita, vuoi dare tutto per Gesù e affidargli la tua vita. Ora mi sento un figlio di Dio che fa tutto per cambiare in meglio questo mondo, e voglio vivere così. Spero in questo modo di poter raggiungere la santità a cui Dio chiama tutti noi. È così che voglio vivere, superando tutte le difficoltà.

Tags:
attorepro lifesan giovanni paolo ii
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni