Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 25 Gennaio |
San Francesco di Sales
home iconSpiritualità
line break icon

Niente può toglierci la libertà che Gesù ci ha donato morendo in Croce

STRENGHT

Dima Zverev - Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 22/04/20

Diventa un inferno vivere dimenticandoci che Gesù è morto per darci la vera libertà, che non è quella di cambiare le circostanze ma di cambiare noi stessi dentro ogni circostanza.

In quel tempo, Gesù disse a Nicodemo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna.
Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui.
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è gia stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».
E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie.
Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere.
Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio». (Gv 3,16-21)

Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna”. La prova dell’amore di Dio è Gesù. Se dimentichiamo questo dettaglio possiamo trasformare Gesù in un “Grande fratello” messo lì per controllare quante volte cadiamo. Ma è davvero troppo poco ridurre il ruolo di Gesù a quello del nostro super-io. Egli è venuto perché la nostra vita possa essere davvero viva. “Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio”.

Scegliere le logiche che intrappolano la nostra vita e rifiutare invece ciò che Gesù ci ha mostrato come liberazione è già di per sé una condanna. Dobbiamo toglierci dalla testa che la condanna è Dio che punisce. La condanna è la conseguenza delle nostre scelte. Anche l’onnipotenza di Dio rispetta la nostra libertà. In questo modo i nostri inferni, molto spesso, li scegliamo noi con i nostri sì e i nostri no. Ma dobbiamo stare attenti a non fare confusione. Si può soffrire non per colpa nostra, si possono avere delle ferite che altri ci hanno fatto, si può vivere nel cuore di un’ingiustizia, come di un dolore o di una situazione subita, ma tutto questo diventa inferno quando noi ci sentiamo solo vittime senza ricordarci che Gesù è morto affinché ognuno di noi si ricordi che è radicalmente libero in ogni circostanza anche in quelle dove apparentemente non c’è nessun margine di scelta. E questo per un motivo semplice: anche in ciò che non ho scelto io posso decidere come starci. La libertà non è vincere sempre, ma a volte è decidere come si vuole perdere. È solo così che una malattia, un dolore, una ferita del passato possono condizionarci molto ma non possono toglierci la decisione di come viverci tutto ciò. La libertà non è per forza cambiare le circostanze ma è cambiare noi stessi nelle circostanze. Ecco la libertà che ci ha donato Gesù.

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
7
LIBBY OSGOOD
Sandra Ferrer
Libby Osgood, la scienziata della NASA diventata suora
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni