Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Cosplaying di capolavori: c’è chi in quarantena il tempo lo ammazza così

Condividi

Il Getty Museum di Los Angeles ha proposto di riprodurre in casa delle opere d’arte e postarle sui social. Ciò ha dato vita a imitazioni (di diseguale valore) di Caravaggio e di El Greco (fra gli altri).

Con il confino che si è imposto a buona parte del pianeta terra, ognuno (secondo le sue possibilità patrimoniali e lavorative) è stato costretto a riorganizzare la propria vita e rivedere le proprie attività. Per chi fosse a corto di idee, il Getty Museum di Los Angeles ha lanciato una #gettymuseumchallenge: riprodurre opere d’arte con quanto è disponibile in casa. Gli utenti di Instagram, Twitter, Facebook e compagnia cantante dànno sfogo all’estro artistico rivaleggiando in immaginazione e fantasia prima di postare le loro creazioni. Tra i quadri scelti, un certo numero fa riferimento a episodi biblici o a vite di santi. Aleteia ve ne propone un florilegio.

View this post on Instagram

Pensi di essere una persona veramente creativa? Dimostracelo! 🎨💡 Il @mibact accoglie la sfida lanciata dal @gettymuseum di Los Angeles, invitando tutti quanti a restare a casa e ricreare un'opera d'arte con i soli oggetti o persone disponibili in casa. Per partecipare 3 semplici regole: 🥇 Scegli la tua opera preferita. 🥈 Procurati in casa gli oggetti di scena. 🥉 Ricrea l'opera nella tua migliore versione casalinga. Dai sfogo alla tua creatività, condividi con noi i tuoi capolavori attraverso l'hashtag #lartetisomiglia e non dimenticare di taggarci! 📷: @yokoshka, @francesco.degrazia, @gaiaparu, @sabriimp_ 👏👏 #mibact #museitaliani #tussenkunstenquarantaine #gettymuseumchallenge #gettymuseum #gettychallenge #artchallenge #betweenartandquarantine #lartetisomiglia #artyouready

A post shared by Istituto Italiano di Cultura (@iicbarcellona) on

Avevate riconosciuto l’Annunziata di Antonello da Messina? Ecco, a parte lo smalto nero della Vergine e il mini-tatuaggio sull’indice, il velo casca bene e la posizione delle mani è decisamente somigliante all’originale.

Il celebre Davide con la testa di Golia del Caravaggio è qui brillantemente ripreso (con l’aiuto del fotoritocco e dell’effetto grafico per la spada). E in più a Davide è cresciuta la barba!

Sembra che le teste mozzate abbiano il loro appeal, come si vede da questa riproduzione di Salomè con la testa del Battisa di Bernardino Luini.

Questa non è ancora stata spiccata dal busto, ma ci siamo quasi: si tratta stavolta di Giuditta e Oloferne di Caravaggio. Un altro quadro di violenza inaudita – si direbbe che la gente in quarantena trovi una forma di catarsi in siffatte rappresentazioni.

Non è che Caravaggio sia il cocco di Aleteia, ma questo San Girolamo ha una sua vibrante parentela con l’originale. Con la nota originale del pompon sulla penna.

Passiamo adesso al Cristo portacroce di El Greco. Giù il cappello davanti a questa corona di spine realizzata con… forchette in plastica (occhio allo smaltimento)!

Torna il nostro cocco con L’estasi della Maddalena: a parte la carnagione un po’ meno bianchiccia della modella di destra, la resa è quasi perfetta.

La tela di Caravaggio (sempre lui!) con L’ispirazione del Vangelo secondo Matteo è conservata nella chiesa di San Luigi de’ Francesi a Roma. Se non si raffronta troppo minuziosamente con l’originale, il risultato è gradevole da vedere.

Abbiamo qui una bella Santa Giovanna d’Arco di Paul Antoine de la Boulaye: passi la frangetta e qualche altra differenza, ma sul grosso ci siamo.

View this post on Instagram

#gettymuseumchallenge

A post shared by Lourdes Zephier (@lourdeszephier) on

E come non sciogliersi davanti a questo Buon Pastore Baby dalla barba in cartoncino che si stringe al petto un peluche? Premio tenerezza a mani basse.

View this post on Instagram

🏺 Les musées vous manquent? Les visites virtuelles ne vous suffisent plus? Et si vous deveniez vous même une œuvre d'art? C'est le but du challenge du Getty Museum, qui vous met au défi de reproduire des tableaux, sculptures et autres œuvres avec ce qui se trouve chez vous. Et pour exemple, @dolly_wood qui a parfaitement relevé le défi avec La Vierge au Voile Bleu de Giovanni Batista Salvi! Alors n'hésitez pas à nous partager vos réinterprétations, vos coups de cœur, et à utiliser ou regarder régulièrement les hashtag #tussenkunstenquarantaine et #gettymuseumchallenge , ça vaut vraiment le détour! Et on vous invite également à voir ce que fait Dolly Wood sur sa chaine Twitch. Au programme critiques de films méconnus aux ambiances gothiques, stream de jeux vidéo et autres blind test cinéma! 🦇 ▶️ Rendez-vous sur son profil pour le lien de sa chaîne ! #art #histoiredelart #gettymuseum #noirelemag #dollywood

A post shared by Noire (@noirelemag) on

Un’altra Vergine, ma stavolta la Vergine dal velo blu di Giovanni Battista Salvi. Semplice ma espressiva.

View this post on Instagram

#gettymuseumchallenge

A post shared by cANoes (@awn1110) on

La Cena di Leonardo ripresa da personale medico e paramedico… senza dubbio pregna di molti significati.

Qui invece c’è un’opera di Philippe de Champaigne: si tratta del ritratto di madre Agnès Arnault e di suor Achterine de Sainte-Suzanne, detta Ex voto del 1662.

Proseguiamo in bellezza con una tenerissima Madonna interpretata da una bimba assai concentrata. L’opera è di Fra Filippo Lippi.

Domaine public / Anne Lorne
Riproduzione famigliare de “La risurrezione di Cristo” di Antoine Caron

Per terminare, abbiamo una famiglia che riproduce a modo suo La Risurrezione di Cristo di Antoine Caron.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni