Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconStorie
line break icon

Nelle meditazioni della Via Crucis, il calvario di un prete accusato di abusi (e assolto)

MUÑOZ TOLEDO

@PJudicialChile

Foto de archivo

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 09/04/20

Tra le 14 meditazioni per il Venerdì Santo, una storia di accuse ingiuste e sofferenze pesanti. "Ho sentito tutto il peso della croce: l’accusa era fatta di parole dure come chiodi, la salita si è fatta ripida".

Per otto anni ha subito un processo per abusi su minori, poi, dopo una lunga sofferenza è arrivata l’assoluzione. Ora quel sacerdote ha scritto la meditazione per l’undicesima stazione della Via Crucis di Papa Francesco, che quest’anno si svolgerà a San Pietro e non al Colosseo.

Nell’undicesima stazione Cristo è inchiodato alla croce. «Quante volte, da prete, ho meditato su questa pagina di Vangelo. Quando poi, un giorno, mi hanno messo in croce – rammenta il sacerdote – ho sentito tutto il peso di quel legno: l’accusa era fatta di parole dure come chiodi, la salita si è fatta ripida, il patimento si è inciso nella pelle».

ABUSE
Marko Vombergar-ALETEIA

“Nei tribunali cercavo il Crocifisso appeso”

Il momento «più buio», ricorda, «è stato vedere il mio nome appeso fuori dall’aula del tribunale: in quell’attimo ho capito di essere un uomo costretto a dimostrare la sua innocenza, senza essere un colpevole. Sono rimasto appeso in croce per dieci anni: è stata la mia via crucis popolata di faldoni, sospetti, accuse, ingiurie. Ogni volta, nei tribunali, cercavo il Crocifisso appeso: lo fissavo mentre la legge investigava sulla mia storia».

“Sarebbe stato meglio farla finita…”

Il sacerdote ammette di aver pensato persino al suicidio. «La vergogna, per un istante, mi ha condotto al pensiero che sarebbe stato meglio farla finita. Poi, però, ho deciso di rimanere il prete che sono sempre stato. Non ho mai pensato di accorciare la croce, nemmeno quando la legge me lo concedeva. Ho scelto di sottopormi al giudizio ordinario: lo dovevo a me, ai ragazzi che ho educato negli anni del Seminario, alle loro famiglie».

Cardinal George Pell
Alberto PIZZOLI | AFP
Anche il Cardinale George Pell, nelle scorse ore, è stato prosciolto dall'accusa di abusi sessuali.


Cardinal George Pell

Leggi anche:
Il cardinale Pell prosciolto dalle accuse di abusi: verdetto unanime dei giudici

La luce dei suoi ragazzi

Ecco, quei ragazzi sono stati una luce di speranza. «Mentre salivo il mio calvario, li ho trovati tutti lungo la strada: son diventati i miei cirenei, hanno sopportato con me il peso della croce, mi hanno asciugato tante lacrime. Assieme a me tanti di loro hanno pregato per il ragazzo che mi ha accusato: non smetteremo mai di farlo».

Il giorno in cui è stato assolto c«on formula piena», ha scoperto di «essere più felice di dieci anni fa: ho toccato con mano l’azione di Dio nella mia vita»

La preghiera

L’undicesima stazione della Via Crucis è associata alla seguente preghiera:

Signore Gesù, il tuo amarci fino alla fine ti ha portato

sulla Croce. Stai morendo, ma non ti stanchi di perdonarci

e di darci vita. Affidiamo al Padre tuo gli innocenti

della storia che hanno sofferto un’ingiusta condanna.

Risuoni nei loro cuori l’eco della tua parola:

«Oggi sarai con me in Paradiso».

Preghiamo

O Dio, fonte di misericordia e di perdono, che ti riveli

nelle sofferenze dell’umanità, illuminaci con la grazia

che sgorga dalle piaghe del Crocifisso e donaci di perseverare

nella fede durante la notte oscura della prova.

Per Cristo nostro Signore. Amen.




Leggi anche:
Via Crucis: la conversione di 5 detenuti autori delle Meditazioni

Tags:
abusimeditazionesacerdotevia crucis
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni