Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconSpiritualità
line break icon

Come recuperare quando la Quaresima è andata male

BAD MANNERS

Kristin Rogers Photography | Stocksy United

Catholic Link - pubblicato il 08/04/20

di Will Wright

I progetti migliori

I progetti migliori spesso vanno a monte. Abbiamo dispiegato i migliori propositi per il nostro percorso quaresimale. Cerchiamo di approcciare la Pasqua dopo aver ragionato in modo approfondito e aver trovato una routine di preghiera, digiuno ed elemosina.

Se siete come me, non sempre tutto va come previsto. I vostri progetti potrebbero essere sfumati e potreste pensare che la vostra Quaresima sia finita. E se vi fosse rimasta solo una settimana? E se vi fosse rimasto solo un mese? E se fosse il giorno dopo il Mercoledì delle Ceneri? Cosa succede quando la Quaresima va male?

In primo luogo, dobbiamo eliminare questa frase dal vocabolario. La Quaresima non può andare male. La Quaresima è un dono di Dio per ripristinare l’armonia nella nostra anima.

Le nostre penitenze quaresimali si basano su preghiera, digiuno ed elemosina. È importante discernere come esercitarli durante la Quaresima (e oltre), ma non è mai troppo tardi in Quaresima per aggiungere o togliere pratiche. In primo luogo, dobbiamo esaminare perché compiamo queste penitenze.

Perché facciamo delle penitenze?

Le pratiche quaresimali acuiscono la nostra consapevolezza di Dio, e permettono alla Sua grazia di penetrare più prontamente nella nostra mente. È quindi importante essere coerenti. È a questo punto che la maggior parte della gente si allontana dal progetto. Se vacilliamo nelle nostre pratiche quaresimali, ci sono tre opzioni: abbandonare il progetto, modificarlo o rimettersi in carreggiata.

Tre opzioni – Abbandonare, Modificare, Riconoscere

Abbandonare il progetto non è un’opzione per il cristiano. Indipendentemente da quanto diventi difficile e da quanto soffriamo, Cristo è lì per condividere il nostro fardello. Non ci dice “Sii compiacente e sarai felice”, ma di prendere la nostra croce, seguirlo e vivere la vita radicale delle Beatitudini.

Possiamo modificare leggermente il progetto. Magari possiamo lavorare solo su qualche elemento e cercare di impegnarci veramente prima di aggiungerne altri. Lo spirito è spesso bendisposto, ma la carne è debole, ma non è una scusa per smettere di impegnarsi. Bisogna capire che dovremmo sfidare noi stessi, ma prendendo la via stretta facendo un passo alla volta piuttosto che tuffarci a capofitto nell’oceano.

La terza opzione è in realtà la prima da esperire. Dobbiamo riconoscere dove non abbiamo rispettato i nostri impegni, e anziché permettere che questo definisca la nostra Quaresima o ci faccia disperare, ci rimettiamo semplicemente in carreggiata, chiedendo a Dio la grazia di ricominciare.

Il benvenuto a ogni ripartenza

Il libro dei Proverbi (24, 16) dice che “il giusto cade sette volte e si rialza, ma gli empi sono travolti dalla sventura”. Questo saggio insegnamento ci dice che la vita cristiana è una corsa a lunga distanza, non uno sprint rapido. Possiamo cadere varie volte (migliaia), ma siamo sempre invitati dalla grazia di Dio a risollevarci e a riprovare.

C’è uno splendido verso della canzone di Mumford and Sons intitolata Roll Away Your Stone che racchiude questa realtà. Penso che funzioni bene anche per avere un promemoria spirituale durante la Quaresima e per la nostra vita. Dice così: “Non è il lungo cammino verso casa che cambierà questo cuore, ma l’accoglienza che ricevo a ogni nuova partenza”.

Cadere è inevitabile. Fa parte della nostra natura umana essere inclini al peccato, essere più deboli di quello che vorremmo essere, e cadere. Dio, però, non sbaglia mai. Non sbaglia mai nello stendere la Sua mano per risollevarci e rimetterci in carreggiata. Non scoraggiatevi mai se vi aggrappate a Dio. E se vi distraete per un po’, allora permettete semplicemente alla grazia divina di farvi focalizzare nuovamente tutto.

Qui l’articolo originale pubblicato su Catholic Link.

Tags:
quaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni