Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un fioraio francese mette tutti i suoi fiori sulle tombe locali durante la pandemia di coronavirus

cementerio
Condividi

Volendo esprimere la propria solidarietà, ha trovato un luogo perfetto per il suo stock

La pandemia di COVID-19 sta provocando grandi problemi a molte imprese, piccole e grandi. Alcune sono costrette a smettere di lavorare, e la merce si guasta. Il proprietario di un vivaio francese, che ha dovuto mettere temporaneamente in cassa integrazione i suoi 12 dipendenti, voleva mostrare un po’ di solidarietà in questo momento difficile.

Romain Banilat ha spiegato che le piante cresciute nelle sue serre avevano una vita limitata, perché dopo due settimane avrebbero dovuto essere gettate via. Considerando che il periodo della quarantena in Francia andrà ben oltre questo termine, Banilat ha deciso che avrebbe portato tutte le piante in un cimitero locale e le avrebbe poste sulle tombe che nessuno avrebbe visitato per via dell’isolamento.

Condividendo le sue fotografie su Facebook, Banilat ha spiegato che ha deciso di farlo sapendo che i suoi clienti non avrebbero potuto portare i fiori sulla tomba dei propri cari.

Il fioraio ha detto di aver compiuto questo gesto spinto solo dalla solidarietà e non dall’interesse: “Penso che in momenti come questo dobbiamo unirci davvero. Anche se affronteremo tutti delle difficoltà alla fine della crisi, saremo più forti, più saldi, più grandi… siate pazienti”.

Con gesti generosi e attenti com questo, possiamo pensare che nel post-coronavirus vedremo il bene nel mondo con un po’ più di chiarezza.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni