Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconNews
line break icon

Monasteri trasformati in laboratori di mascherine! Ad Avellino ci pensano le suore

GIRL, MEDICAL MASK,

Tagwaran | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 20/03/20

Emergenza coronavirus: nella città capoluogo dell'Irpinia e nel vicino comune si Mercogliano si lavora come in azienda: turni e una rigida organizzazione. "Siamo pronte a fare anche le notti"

Anche le suore dei conventi si stanno adoperando per la realizzazione di mascherine per prevenire i rischi di contagio da coronavirus. In particolare accade nella diocesi di Avellino.

«Due dei monasteri della diocesi, sono attualmente impegnati nella realizzazione di mascherine: le suore Oblate di Avellino e le suore Benedettine di Mercogliano ne hanno già realizzate qualche centinaio per distribuirle a quanti ne facciano richiesta nella diocesi»: lo ha riferito a Vatican News lo stesso vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello.

KWARANTANNA
Deliris | Shutterstock

“La Chiesa non è sull’Aventino”

Come Chiesa «il primo imperativo è essere presenti, vicini. Le campane suonano lo stesso, anche se segnano l’orario di celebrazione a cui non si può partecipare, ma costituiscono una sorta di segnale per i fedeli, il segnale che la Chiesa – sottolinea il vescovo – non si è ritirata sull’Aventino» (La Repubblica Napoli, 19 marzo).




Leggi anche:
In tempo di coronavirus, un prete e una suora fanno i “postini” del Signore

La richiesta di Don Vitaliano

A dare il ritmo alle laboriose sorelle nel monastero benedettino di Mercogliano, ci pensa la madre generale del convento, suor Ildegarda: «Il ricamo da sempre fa parte della nostra tradizione – spiega all’ANSA (19 marzo) – anche se con il tempo si va perdendo».

La richiesta di produrre le mascherine è arrivata su sollecitazione di Don Vitaliano Della Sala, parroco a Mercogliano, già noto per le sue battaglie no-global.

DOCTOR, MASK,
HQuality | Shutterstock

Una piccolo azienda!

«Tutte abbiamo sentito il desiderio di fare qualcosa che accompagnasse la preghiera – aggiunge suor Ildegarda – e cosi’ quando don Vitaliano ci ha chiesto una mano non abbiamo esitato».

E siccome l’organizzazione è tutto in certe imprese, per prima cosa sono stati divisi i ruoli: «C’è chi cuce, chi taglia la tela, chi prepara l’elastico e chi stira. C’è chi lavora la mattina e chi il pomeriggio. Ci alterniamo, in modo che chi non è impegnato nella preghiera lavori alle mascherine».




Leggi anche:
Le clarisse di Bergamo: da tutta Italia ci chiedono di pregare per la fine del coronavirus

“Tela resistente e buona qualità”

Quanto alla qualità del manufatto nulla da invidiare a quelle che si vedono comunemente in giro: «Non parliamo di mascherine chirurgiche – precisa suor Ildegarde – ma di quelle in uso alla popolazione. Tuttavia la nostra tela è resistente e di buona qualità. E l’elastico è stretto».

«Le produrremo – spiega la Madre Generale – fino a quando ce ne sarà bisogno. E se la richiesta aumenterà siamo pronte a incrementare il ritmo, e se serve a lavorare anche di sera nel nostro laboratorio.Contemporaneamente aumenteremo anche i momenti di preghiera perché il Signore dica presto basta a questa piaga».




Leggi anche:
Coronavirus, dramma ad Alessandria: morte due suore, contagiate tutte le altre

Tags:
coronavirusmonasterisuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni