Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconSpiritualità
line break icon

Essere come bambini è anche accogliere la nostra paura

SCARED

NinaMalyna|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 25/02/20

Tante volte Gesù ci ha detto di tornare a essere come bambini: anche accettando di avere paura. Affrontiamo l'impotenza non soffocandola o pensando di contare solo sulle nostre forze, ma accogliendo la paura con fiducia nell'amore del Padre, come farebbero i piccoli..

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse.
Istruiva infatti i suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo sta per esser consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma una volta ucciso, dopo tre giorni, risusciterà». Essi però non comprendevano queste parole e avevano timore di chiedergli spiegazioni.
Giunsero intanto a Cafarnao. E quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo lungo la via?». Ed essi tacevano. Per la via infatti avevano discusso tra loro chi fosse il più grande. Allora, sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuol essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servo di tutti». E, preso un bambino, lo pose in mezzo e abbracciandolo disse loro: «Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me; chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

Marco 9,30-37

Una cosa molto strana accade nel Vangelo di oggi, ma in questa faccenda strana c’è anche una chiave di lettura illuminante per la nostra vita. Gesù parla apertamente ai suoi discepoli del destino che lo aspetta a Gerusalemme:

«Il Figlio dell’uomo sta per esser consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma una volta ucciso, dopo tre giorni, risusciterà». Essi però non comprendevano queste parole e avevano timore di chiedergli spiegazioni.

La loro reazione è la paura. E la paura la si può vivere in diversi modi. Il modo più sbagliato è quello di non affrontarla, di nasconderla, di volerla soffocare. Quando ci mettiamo a soffocare le domande, l’angoscia, la tristezza che si impadronisce del cuore, molto spesso usiamo mezzi sbagliati. Tra i più diffusi c’è quello dell’affermazione di noi stessi:

«Di che cosa stavate discutendo lungo la via?». Ed essi tacevano. Per la via infatti avevano discusso tra loro chi fosse il più grande.

L’ansia di emergere, l’ansia dei primi posti, della carriera, delle volte nasconde un grande vuoto interiore. Vogliamo affermarci esteriormente perché dentro sperimentiamo un grande vuoto esistenziale. Fare questo è un po’ come un antidolorifico rispetto a un dolore immenso che ci abita, ma questo non porta nessun vantaggio vero ma solo un illusorio sollievo momentaneo. Sulla stessa scia usiamo il denaro, il possesso delle cose, la sessualità, il cibo. Tutte queste cose a volte nascondono un vuoto interiore che tentiamo di colmare con l’uso di questi mezzi. Gesù nel Vangelo di oggi dice chiaramente che non affrontare la paura che ci abita ci rende infelici e che soltanto recuperando l’atteggiamento di un bambino potremmo venirne fuori:

Preso un bambino, lo pose in mezzo e abbracciandolo disse loro: «Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me; chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

Non bisogna soffocare il bambino che in noi ha paura, ma accoglierlo, infondergli fiducia. Non è forse questo il ruolo dell’Amore di Dio? Non è forse più efficace il Suo abbraccio più di ogni carriera?
#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni