Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconFor Her
line break icon

Daniel era un bullo. Oggi si laurea davanti alla PM che lo condannò

graduation

Freedomz|Shutterstock

Giovanna Binci - pubblicato il 18/02/20

Una storia di rivincita, per lui, Daniel Zaccaro, 27 anni e un passato da bullo che gli è costato il carcere, ma anche per tutti quelli che hanno creduto in lui, che non hanno mollato e che oggi sono ad applaudirlo: la PM che lo ha condannato per prima.

Ogni genitore aspetta quel momento: quello in cui essere stati duri, aver detto quel “no” che ci è costato un “ti odio, sei la mamma peggiore che potessi avere” che ti fa rigirare nel letto e domandarti se davvero sia stato necessario, quel momento in cui tutti i limiti, i divieti, i paletti che mettiamo per il bene dei nostri figli, spesso non capiti (come è giusto che sia), si rivelano invece la cosa giusta. E ci ridanno fiducia in noi stessi, quei momenti, nel nostro ruolo di educatori, ci dicono che no, non le sbagliamo proprio tutte, che a volte tenere botta anche se ci costa porte in faccia e silenzi che ci mettono in crisi, è la scelta migliore per i nostri figli. Che poi lo riconoscono anche loro. Dopo aver sbollito la rabbia, dopo aver firmato una tregua a patatine fritte e Coca Cola e averci dato la possibilità di spiegare senza urla e quelle scene da oscar per il miglior attore nella categoria “dramma”.

Immagino perfettamente allora, la gioia, la soddisfazione e anche quante conferme avrà regalato  – il 12 febbraio 2020- la laurea conseguita dal ventisettenne Daniel Zaccaro a tutte le persone che lo hanno rimesso sulla buona strada. Un percorso che, prima della laurea in Scienze della Formazione alla Cattolica di Milano, è passato per il carcere e le comunità affidatarie. Un percorso che di sicuro avrà interrogato i genitori sulle loro capacità educative, ma anche tutte le persone che hanno lavorato in squadra nel tentativo di recuperare questo ex bullo con una storia di rapine, furti e pestaggi. Una storia normale per il resto, senza le premesse difficili che possiamo immaginare. Un ragazzo di Quarto Oggiaro (Milano) con una famiglia presente e due genitori che in tutti i modi hanno tentato di educarlo al rispetto e al valore del lavoro, che lui, schivo alle regole e persino agli affetti, ha negato fin quando è arrivata la condanna della PM del tribunale dei minori. Condannato in tutte le udienze in cui era imputato, senza sconti: per lui si apre il carcere di Beccaria e poi di San Vittore e dal 2015 la comunità Kayròs di don Claudio Burgio. Oggi, tutte quelle persone sono lì ad applaudirlo, a festeggiare un traguardo personale prima che scolastico: il bullo che diventa educatore.




Leggi anche:
Sapete qual è la patrona delle vittime di abusi infantili e bullismo?

Chi lo avrebbe mai detto di quell’adolescente chiuso e ribelle, restio alla disciplina anche in carcere? Quello che a San Vittore legge per la prima volta un libro di testo scolastico, quell’Inferno dantesco che in fondo, parla anche un po’ del suo personale inferno, dove la violenza e il sopruso erano all’ordine del giorno, ironia della sorte poi, proprio da dietro le sbarre, come in un girone senza uscita dove Daniel è costretto a guardare in faccia quella realtà che aveva sempre fuggito. Oggi, a ricordare a questo ragazzo il vero traguardo che festeggia ci sono tutti: la PM del tribunale dei minori che lo ha condannato, Don Claudio Burgio e pure Fiorella, la docente in pensione che ha fatto studiare a Daniel quel primo libro scolastico a San Vittore, l’Inferno di Dante.

È una grande vittoria di tutti noi, questa,

dice la PM,

Daniel racconta agli adolescenti come è riuscito a trovare dentro di sé la forza del cavaliere Jedi. Ma io glielo dico sempre, a costo di sembrare pedante: attento a non farti sedurre dal lato oscuro della forza. (Huffinghto Post)

Un lavoro di squadra di cui essere fieri, come ricorda anche Don Claudio:

Dietro questo bellissimo traguardo, oltre alla bravura di Daniel, ci sono tante persone e molte istituzioni civili ed ecclesiali che insieme hanno saputo collaborare in questi anni. È la storia di un lavoro di squadra. Questa è la città che mi piace e che ispira il mio impegno educativo quotidiano. Ora toccherà a Daniel raccogliere questo impegno e trasmetterlo ad altri giovani con tutta l’esperienza e la competenza maturati in questo percorso. (Corriere Milano)


ILARIA BIDINI

Leggi anche:
Ilaria, vittima di bullismo, si laurea per combatterlo. Gli auguri di Mattarella

Le parole più belle però, che restituiscono a tutte queste persone l’unico ringraziamento che conta per il loro lavoro, la conferma che la cosa giusta, spesso, passa per scelte severe, dure e dolorose, soprattutto quando qualcuno si è già addentrato per una strada troppa buia da cui uscire da solo, le ha dette proprio Daniel:

La brutalità è indice di povertà di pensiero. È l’espressione di chi non sa comunicare in altro modo. I violenti hanno profondissimi problemi di linguaggio. Quando non sai chiamare il dolore e la rabbia con il loro nome ti scateni così, come un animale. Io l’ho capito, e lo voglio spiegare al maggior numero di ragazzi possibile.

Nessuno è un caso perso o troppo disperato. L’educazione non è mai vana, forse bisogna cambiare il linguaggio o il modo, ma alla fine, anche da un bullo può nascere un educatore, se abbiamo il coraggio di ascoltare quello che il suo atteggiamento ci sta dicendo davvero: non mollare con me.

Tags:
bullismostorie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni